Browsing Tag:

Piccola Pasticceria

DOLCI

Pasticcini con crema al cioccolato bianco e cocco

piccola pasticceria, dolci, cioccolato bianco, frutta, ciliegie, crema ganache

piccola pasticceria, dolci, cioccolato bianco, crema ganache, cocco, ciliegie, frutta

Dolcezza ne abbiamo? Si tanta, tantissima, mettete insieme il latte di cocco e il cioccolato bianco e otterrete una crema ganache dolcissima, in tutti i sensi.

Comincia il caldo, cioè è già iniziato ampiamente a Milano, tempo di terminare le provviste che subiscono le temperature come il cioccolato, prima che si sciolga ho pensato di unirlo al lette di cocco che mi hanno regalato per dare vita a questa crema da ingerire a piccole dosi a meno che la dolcezza non sia vostra stretta alleata.

Un dolcetto per cominciare questo nuovo mese e per il week end lungo, io resterò a Milano a fare un po’ di cosette e poi pare pioverà, godetevi il sole, i primi bagni, i pic nic, le grigliate, le gite fuori porta culturali e non.

Buon week end!

ciliegie, frutta, latte di cocco, cioccolato bianco, dolci, piccola pasticceria, crema ganache

Ingredienti:

per la frolla

220 gr di farina

80 gr di zucchero

125 gr di burro

1 uovo 1 1 tuorlo

per la crema

300 gr di cioccolato bianco

120 gr di latte di cosso

ciliegie ( o altra frutta, granella, frutta secca ecc…)

 

piccola pasticceria, dolci, cioccolato bianco, frutta, ciliegie, crema ganache

1 Preparate la frolla lavorando rapidamente insieme tutti gli ingredienti, quando otterrete una pasta liscia e omogenea riponete per una mezzora in frigo.

2 Preparate la crema facendo sciogliere il cioccolato a bagnomaria, nel mentre scaldate il latte di cocco, non deve bollire, unitelo al cioccolato mescolate e lasciate intiepidire fuori dal fuoco, una volta tiepida/fredda riponete in frigorifero, dopo una mezzora mescolate e lasciate in frigo.

3 Accendete il forno a 200 gradi, imburrate gli stampini (io ho sciolto un pezzetto di burro e usato un pennello), distribuite la frolla direttamente con le mani, controllate bene i bordi.

4 Coprite ogni stampino con un foglietto di carta forno e aggiungete una manciata di fagioli secchi, infornate per circa 15 minuti, togliete i fagioli e proseguite la cottura per altri 5 minuti, sfornate e lasciate intiepidire.

5 Sfornate le frolle delicatamente, riempite una sach a poche con la crema ormai addensata, non deve essere troppo “dura”, riempite le frolle, decorate con le ciliegie.

NOTE: per la crema basta un’oretta di frigorifero quindi regolatevi per la preparazione delle frolle, piuttosto fatele prima per non lasciare la crema troppo in frigorifero.

crema ganache, dolci, cioccolato bianco, cocco, frutta, ciliegie

DOLCI

Meringhe

meringhe, cioccolato, colazione, merenda, dolci, piccola pasticceria

Un titolo che almeno per me è già tutto un programma! Piccole nuvole coperte di cioccolato, dolci, fragranti, ben asciutte, con quella punta che adoro, perfette come dolcetto post pasto, da regalare, da tenere come comfort food nei momenti duri, per decorare un dolce!

La ricetta infallibile della mitica Valentina del blog La ricetta che Vale, chi ha un blog di cucina la conosce sicuramente, la regina dei dolci, del cake design, delle decorazioni, della poesia e del romanticismo, regina di eleganza, bellezza, classe e non solo come per le ricette ma in primo luogo come donna!

Sempre gentile, disponibile, precisa, non ti nega mai un consiglio, una buona parola, gioisce sempre dei successi altrui, non manca mai di sostenerti, di lealtà e poi diciamolo con quel sorriso conquisterebbe chiunque!

Non mi resta che lasciarvi la sua ricetta copiata e incollata precisa identica. Vi auguro un felice week end!

meringhe, cioccolato, colazione, merenda, dolci, piccola pasticceria

MERINGHE ALLA FRANCESE
 
Ingredienti 
per circa 70 meringhe – a seconda della dimensione – 
35 circa se accoppiate e farcite
 
250 g di albumi a temperatura ambiente
(ho usato quelli pastorizzati in vendita al banco frigo del supermercato)
500 g di zucchero semolato tipo Zefiro
(altrimenti, con un frullatore, riducete a grana finissima quello semolato classico)
1 cucchiaino e qualche goccia di succo di limone
(la dose è quella di mezzo cucchiaino ogni 100 g di albume)
meringhe, dolci, piccola pasticceria, colazione, merenda
In una bacinella o direttamente in planetaria iniziate a montare gli albumi insieme al succo di limone, lentamente.
Non aggiungete ancora lo zucchero.
Continuate a media velocità fino a quando non avrete un po’ di schiuma morbida e poi continuate ad alta velocità.
Quando il volume degli albumi sarà aumentato di 4 volte (l’albume ben montato può raggiungere 8 volte il volume iniziale) allora potrete aggiungere lo zucchero: poco alla volta, lentamente e mentre continuate a sbattere.
Continuate fino ad esaurimento dello zucchero e fino ad ottenere un composto sodo, lucido e fermissimo.
Con l’aiuto di una sac à poche munita di bocchetta (io ho usato la 2D della Wilton per ottenere le rose ma potete anche realizzare la classica forma liscia con una bocchetta liscia)
formare le meringhe su una teglia rivestita di carta forno e infornare possibilmente una teglia alla volta (così da non creare eccessiva umidità all’interno del forno) cuocendo a 85°C (teglia a mezza altezza) forno statico con sportello leggermente aperto (basterà interporre un cucchiaio di legno) per permettere all’umidità di uscire, per 3 ore circa *
Se forno ventilato, quest’ultimo passaggio è meno necessario, potete lasciare chiuso lo sportello e aprirlo solo nell’ultima fase di cottura (ultimi minuti).
* Le meringhe devono asciugare e non  cuocere e devono restare bianche senza virare al beige.
Vi consiglio un termometro da forno per conoscere la temperatura reale del vostro forno, sappiamo che molte volte non corrisponde a quella impostata.
Una volta cotte, spegnete il forno e lasciate riposare sempre con sportello socchiuso, magari tutta la notte se le avete preparate in serata.
meringhe, uova, piccola pasticceria, dolci, colazione, merenda, cioccolato
DOLCI

Pasticcini crema e cioccolato

pasticcini, crema, cioccolato, frutta, piccola pasticceria, dolci

pasticcini, crema, cioccolato, frutta, piccola pasticceria, dolci

Un sole timido si sta affacciando su questo penultimo martedì di febbraio, giornate strane, a tratti pare freddo, umido, un cappello si mette ancora volentieri poi basta un attimo che ti ritrovi con 12 gradi e non vorresti neanche il piumino ma una giacca più leggera.

Febbraio è un mese che non mi ha mai entusiasmato, che non ho mai saputo definire, non è gennaio che segna la fine delle feste di Natale, l’inizio di un nuovo anno, tanti propositi, un senso di rinascita magari più nelle nostre teste che realmente e non è marzo dove le giornate son molto più lunghe, cambia l’ora, inizia a essere caldo al sole e le prime gemme spuntano sulle piante.

Febbraio sta lì nel mezzo, è corto, è inverno ma alle sei è ancora giorno, fa più caldo ma fa ancora freddo, è un mix che non mi convince, lo so son banalità ma si vive anche di queste.

Godetevi con me un pasticcino, anche due!

pasticcini, crema, cioccolato, piccola pasticceria, dolci, frutta

 

Ingredienti:

200 gr di cioccolato fondente

4 tuorli

600 ml di latte

200 gr di zucchero

50 gr di farina o fecola

lamponi

creme, cioccolato, piccola pasticceria, pasticcini, dolci, frutta

1 Sciogliete il cioccolato a bagnomaria, lasciatelo intiepidire poi con un pennello coprite la superficie di uno stampino, coprite bene tutto lo stampo, mettete in frigo una decina di minuti poi ripassate altre due tre volte il cioccolato fuso con il pennello, deve formarsi uno strato, se vi sembra che coli al centro senza solidificarsi anche sui bordi fate vari passaggi in frigorifero.

2 Preparate la crema sbattendo i tuorli con lo zucchero.

3 Mettete a scaldare in un pentolino o nel microonde 500 ml di latte, nel mentre unite la farina amalgamate e poi unite i 100 ml di latte mescolando rapidamente con una frusta, otterrete un composto omogeneo mediamente denso.

4 Mettete sul fuoco medio e unite il latte caldo, mescolate fino a che non si addenserà, quando la crema è pronta comincia a fare delle bolle in superficie, trasferite in una ciotola per farla raffreddare poi riponete in frigorifero.

5 Lavate i lamponi e asciugateli, prendete una sach a poche e mettete la crema in ogni cestino di cioccolato, decorate con i lamponi.

NOTE: se potete e siete capaci temperate il cioccolato io l’ho solo sciolto e si vede che non è preciso e bello lucido!

pasticcini, dolci, cioccolato, crema, frutta, piccola pasticceria

DOLCI

Biscotti allo zenzero e cioccolato bianco

Non è Natale senza biscotti, belli da regalare, decorati in mille modi diversi, buoni a colazione, merenda, in viaggio, profumati di spezie, arricchiti con frutta secca, cioccolato, glasse, sciroppi, miele, ci si può davvero inventare molteplici combinazioni.

Per me Natale è biscotti alle spezie, zenzero, cannella, cardamomo, noce moscata, il profumo che pervade la cucina e la casa è unico, inimitabile, mette allegria, profuma di casa, calore, atmosfera.

Oggi vi propongo questi biscotti semplicissimi da preparare e altrettanto da decorare, avevo questi zuccherini effetto neve, ghiaccio, cristallo tipici del periodo, sperando che la neve arrivi davvero.

Mettetevi al lavoro, in un’oretta potrete mettervi comodi e gustare queste piccole delizie, li ho preparati con uno stampo regalatomi da Dmail.

La ricetta la trovate su Honest cooking, al lavoro, forza!

dsc07887

 

dsc07876

DOLCI

Biscotti alla cannella di Natale

biscotti, cannella, spezie, natale, dolci, colazione, merenda

biscotti, cannella, spezie, natale, dolci, colazione, merenda

Oggi a Milano si festeggia il patrono della città, cosa di cui importa relativamente alle persone ma equivale a iniziare un giorno prima il lungo week end dell’Immacolata.

La città infatti si sta svuotando di milanesi e riempiendo di turisti, curiosi, un paio di grosse fiere dell’artigianato sono meta per gli appassionati di prodotti tipici, oggetti in legno, modernariato, borse, quadri, lampade, vini e chi più ne ha più ne metta.

Da sempre per noi milanesi questo week end è il preludio delle feste, il momento che sancisce il count down verso il Natale, da oggi si entra ufficialmente nel clima delle cene pre natalizie, le prime sciate, la folle maratona dei regali, l’allestimento di albero, addobbi, lucine, ci si comincia  a salutare dicendo “auguri”, “buon natale”.

Non so se è così in ogni parte di Italia, per noi il fatto di avere un giorno di festa in più ha sempre regalato a questi giorni dell’anno qualcosa di magico, unico, solo nostro!

Da domani è festa per tutti quindi godetevi questi giorni di relax, mangiate, regali, famiglia, amici, viaggi e quant’altro.

biscotti, cannella, spezie, natale, dolci, colazione, merenda

 

Ingredienti:

300 gr di farina 00

180 gr di burro freddo

6 cucchiai di miele liquido

cannella

smarties o simili

1 cucchiaino di crema spalmabile

biscotti, cannella, colazione, dolci, merenda, spezie, natale

1 In una ciotola lavorate la farina, il burro, il miele e la cannella, formate una pasta liscia e compatta, fate riposare in frigo per un’oretta.

2 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda stendete la pasta su un piano di lavoro o fra due fogli di carta forno, se occorre infarinate un pochino, aiutatevi con un mattarello, prendete una formina a forma di albero di natale o quella che preferite e create i biscotti.

3 Disponete i biscotti su una teglia da forno coperta di carta forno, infornate per circa 12 minuti, dovranno risultare dorati, questa cottura va bene per biscotti alti circa 5 mm.

4 Lasciate raffreddare, poi mettete la crema spalmabile o glassa in una siringa o sach a poche con bocchetta piccola e stretta, deve uscire giusto una puntina di crema per far aderire le pepite colorate, distribuite la crema dove volete sul biscotto, ripeto ne basta una puntina, subito fate aderire le pepite, lasciate almeno una decina di minuti i biscotti in orizzontale in modo che le pepite non si stacchino.

biscotti, cannella, spezie, natale, dolci, colazione, merenda

DOLCI

Cannoli siciliani

cannoli, siciali, regionale, dolci, ricotta, formaggio, cioccolato, piccola pasticceria

cannoli, siciali, regionale, dolci, ricotta, formaggio, cioccolato, piccola pasticceria

I più attenti o di buona memoria ricorderanno che a inizio anno dissi che le mie sfide culinarie del 2016 sarebbero state: i cannoli, le meringhe e i croissant.

Una eccola, superata alla grande, non nel senso che sono i migliori che abbia mai mangiato (figurati….) ma perchè credevo fossero difficilissimi da fare, mi ero fissata da secoli sul fatto che erano complicati. Avete in mente quando nella vostra testa qualcosa diventa un ostacolo insormontabile poi lo affrontate superandolo senza particolari difficoltà? Ecco, per me i cannoli.

Sono pronta a rifarli e a comprare altri cilindri, ne ho solo dieci, penso che ogni tanto me ne comprerò altri due o tre fino a poterne avere venti/trenta in tutto.

La ricetta della pasta l’ho presa da un ritaglio di una rivista diversi anni fa, in rete ce ne erano tanto alla fine ho optato per quella che avevo, secondo me non è precisa, vi metto le dosi che ho utilizzato aggiungendo un filo d’acqua altrimenti era impossibile amalgamarla.

Buon rientro al lavoro con un cannolo virtuale!

cannoli, sicilia, regionali, dolci, piccola pasticceria, cioccolato, formaggio

Ingredienti:

300 gr di farina

1 cucchiaino di cacao amaro

40 gr di zucchero

2 cucchiai di Marsala (io non lo avevo ho usato il Passito)

1 uovo + 1 albume

45 gr di burro

acqua q.b.

400 gr di ricotta di pecora

200 gr di zucchero a velo

50 gr di gocce di cioccolato

olio per friggere (almeno 300/400 ml)

cannoli, sicilia, regionale, dolci, piccola pasticceria, ricotta, formaggio, cioccolato

1 In una ciotola capiente o su un piano di lavoro lavorate la farina, lo zucchero, il cacao, l’uovo intero, il burro fuso, un pizzico di sale e il Marsala, se la pasta non si compatta aggiungete un cucchiaio d’acqua, se necessario un altro, comunque sempre poco alla volta. Quando avrete una pasta liscia e compatta lasciate riposare coperta per un paio d’ore.

cannoli, sicilia, dolci, piccola pasticceria, regionale, ricotta, cioccolato, formaggio

2 Stendete la pasta aiutandovi con un mattarello, deve essere abbastanza sottile, con un coppapasta (o una tazza o altro) formate dei cerchi, circa 8-10 cm, se riuscite ristendete rapidamente la pasta per avere altri cerchi di pasta (se non riuscite friggetela comunque tagliata grossolanamente, cospargetela di zucchero e mangiatela così).

3 Con un pennello ungete i cilindri di olio,  avvolgeteci attorno la pasta, fate aderire le due estremità di pasta con l’albume spennellato, le due estremità si devono leggermente sovrapporre, proseguite fino al termine dei cilindri/pasta.

cioccolato, ricotta, formaggi, dolci, piccola pasticceria, sicilia, cannoli, regionale

4 In una casseruola a sponde alte mettete l’olio a scaldare, una volta ben caldo mettete a cuocere i cilindri, fate in modo che la chiusura sia rivolta verso il fondo della pentola in modo tale che con il calore dell’olio si saldi subito, al contrario potrebbe aprirsi. Devono cuocere 4-5 minuti al massimo, scolateli su un foglio di carta assorbente quando saranno ben dorati.

5 Lasciate intiepidire e sfilate delicatamente il cilindro, bastano dieci minuti di attesa.

6 Preparate il ripieno mescolando la ricotta prima setacciata, con lo zucchero e le gocce di cioccolato, una volta ben amalgamate con un cucchiaino farcite i cannoli.

Son sempre ottimi ma mangiati poco dopo la preparazione o entro qualche ora la cialda rimane croccante, con il passare del tempo si ammoscia.

dolci, piccola pasticceria,regionale, sicilia, cannoli, ricotta, formaggio, cioccolato

DOLCI

Crostatine di grano saraceno e curd di albicocche

tortine, dolci, grano saraceno, crostatine, frutta, albicocche, curd, creme, piccola pasticceria

tortine, dolci, grano saraceno, crostatine, frutta, albicocche, curd, creme, piccola pasticceria

Probabilmente avrete intuito che adoro la farina di grano saraceno, diverse son le ricette presenti sul blog, nei dolci mi piace particolarmente perchè regala croccantezza e quel sapore deciso ma delicato che si sposa bene con le creme, il cioccolato e altro.

Anche in questo caso il connubio mi è piaciuto parecchio, il curd da solo è molto dolce per i miei gusti ma insieme alla base di frolla si bilanciano bene.

La ricetta del curd è di Elena del blog Saltando in padella, mi ero segnata di provare questa crema ed eccola qua, promossa pieni voti, sul blog di Elena trovate moltissime ricette ottime, sia dolci che salate, ne ho altre che voglio replicare. La ricetta è la sua ma per pigrizia ho eliminato alcuni passaggi.

Il sole è alto ma l’aria fredda, rispetto alla scorsa estate c’è un abisso, ricordo giornate con caldo intenso, anche a sera in maglietta a 1300 m di altitudine, il sole forte che asciugava i panni in tre ore, quest’estate l’aria è proprio frizzantina, a sera un maglione ma anche due e la stufa o il camino accesi son graditi.

Corro a godermi il sole, buona giornata!

crostatine, tortine, dolci, piccola pasticceria, curd, creme, albicocche, frutta, grano saraceno

Ingredienti:

per la frolla

100 gr di farina di grano saraceno

140 gr di farina 00

80 gr di zucchero

1 uovo e 1 tuorlo

125 gr di burro

per il curd:

5 albicocche mature

130 gr di zucchero

2 uova

30 gr di burro

1 cucchiaio di fecola di patate

tortine, grano saraceno, frutta, dolci, albicocche, curd, crema, piccola pasticceria, dolci

1 Preparate la pasta amalgamando tutti gli ingredienti fino a ottenere una pasta liscia e omogenea, mettetela in frigorifero per mezzora.

2 Lavate e asciugate le albicocche, eliminate il nocciolo, tagliatele a pezzetti e frullatele.

3 In una casseruola sbattete le uova con lo zucchero, unite la purea di albicocche, mescolate, unite la fecola e il burro a pezzetti, mettete sul fuoco medio e mescolate fino a che non non si addenserà, lasciate raffreddare.

4 Imburrate gli stampi da crostatine, distribuite la pasta in tutto lo stampo, coprite con un pezzo di carta forno e metteteci dei fagioli secchi o riso, infornate per circa 25 minuti a 200 gradi, forno già caldo.

5 Sfornate, attendete che si raffreddino le crostatine, eliminate i fagioli, la carta forno e gli stampini, farciteli con il curd ormai freddo, decorate a piacere, potete mangiarle subito o mettere in frigo tirandole fuori una mezzora prima di mangiarle.

crema, curd, albicocche, frutta, tortine, piccola pasticceria, grano saraceno

grano saraceno, tortine, piccola pasticceria, curd, creme, frutta, albicocche, dolci

DOLCI

Tartufi ai pistacchi

tartufi, pistacchi, frutta secca, cioccolato, piccola pasticceria, finger food

tartufi, pistacchi, frutta secca, cioccolato, piccola pasticceria, finger food

Vi ho ingannato, questi non sono veri tartufi con panna e cioccolato ma tartufi realizzati con l’impasto del salame al cioccolato, si sente il biscotto, con uova, zucchero e tanto burro. Diciamo dei tartufi più rapidi da preparare, gli altri devi attendere che il cioccolato si rapprenda al punto giusto, se ancora troppo liquido le palline non riesci a formarle, se troppo duro devi lavorare ogni pezzo per creare la forma della pallina.

Ho usato i pistacchi perchè avevo un bel sacchettino di farina di pistacchi, usate quello che preferite, cocco, nocciole, codette, granella di zucchero, il classico cacao, per me sono ottimi, il salame al cioccolato credo sia il dolce più semplice da realizzare della storia.

Si prepara rapidamente, non si cuoce nulla, difficile sbagliare perchè a parte sciogliere il burro vanno solo amalgamati gli altri ingredienti, gli dai la forma e son pronti in qualche ora, inoltre dura a lungo, anche oltre una settimana conservato in frigorifero.

Uno dei primi dolci che ho imparato a cucinare e portato a casa di amici per merenda o via il week end, quando facevo l’educatrice in comunità turno di notte, insieme ai volontari e gli obiettori di coscienza lo mangiavamo sempre, pochi ingredienti economici alla nostra portata dato che non avevamo mai cifre da spendere in dolci o altro (parlo di tanti anni fa).

Mi accingo a bere una seconda tazza di te, non riesco a svegliarmi neanche oggi. Buona giornata!

tartufi, piccola pasticceria, pistacchi, frutta secca, cioccolato, finger food, dolce

Ingredienti:

per una cinquantina di tartufi circa

2 uova 200 gr di burro

250 gr di biscotti secchi (simil oro saiwa o frollini)

100 gr di cacao

170 gr di zucchero

100 gr di pistacchi

cioccolato, tartufi, dolci, piccola pasticceria, pistacchi, frutta secca, finger food

1 Sciogliete il burro dolcemente, lasciate intiepidire.

2 Schiacciate a mano o nel mixer i biscotti, non devono essere polvere.

3 In una ciotola mettete i biscotti, aggiungete lo zucchero, il cacao, le due uova e il burro, lavorate fino a ottenere un composto omogeneo, mettete in frigorifero per un’oretta.

4 Formate delle palline grandi poco meno di una noce, spolverate con i pistacchi tritati finemente, rimette in frigorifero, tirateli fuori 15 minuti prima di servirli.

tartufi, dolci, pistacchi, cioccolato, piccola pasticceria, frutta secca

DOLCI

Eclairs con crema di pistacchi

eclairs, pistacchi, crema, frutta secca, dolcetto, piccola pasticceria, francia, glassa

eclairs, pistacchi, crema, frutta secca, dolcetto, piccola pasticceria, francia, glassa

Ho preparato milioni di volte i bignè ma raramente gli eclairs che son la stessa cosa ma con una forma diversa, misteri della mente umana. Belli, buoni, da preparare con mille ripieni e glassature diverse.

Come ho detto tante volte preferisco i dolci da credenza, caserecci, non i cremosi, meglio una crostata, una torta di mele di un tiramisu, un profiteroles o una charlotte, nel caso dei pasticcini faccio un’eccezione.

Il bello del pasticcino è l’unione fra il croccante e il cremoso in dose ridotta, che si tratti di una frolla con crema e frutta, o un cannoncino con sfoglia e crema piuttosto che il classico bignè, una sfogliatella, l’unione dei due con una dose non eccessiva di crema mi piace molto, non che non ami le creme ma preferisco tremila volte frolla, sfoglia, per capirci, di una crostata il meglio per me è la pasta, potrei anche eliminare la marmellata e gustarmi solo la frolla.

Eclairs e pasticcini in genere fa tanto festa, forse perchè non si mangiano spesso, mentre una torta o dei muffin li prepari quando vuoi preparare un vassoio di pasticcini è decisamente più elaborato a meno che non sia un solo genere ma la bellezza dei pasticcini risiede nell’ammirare il vassoio prima di scegliere, i colori, le forme, creme, glasse, frutta, profumi.

Di solito di fronte a un vassoio di pasticcini si verificano due scene, una in cui  ci si guarda, si aspetta che qualcuno prenda il primo magari timidamente ci si chiede -tu quale vuoi?-, -dai prendi tu la sfogliatella che l’adori?-, si studiano gli avversari cercando di individuare le loro mosse, con me per esempio se c’è un cannolo mini siciliano si sa che lo voglio!

Seconda opzione si scarta il vassoio e tempo zero c’è quello che senza esitazioni si fionda su i suoi preferiti, ne prende due tre e dice -ecco ho preso i miei, il resto son vostri-, il gesto pare nobile dicendo che gli altri li lascia tutti a noi, peccato che ne ha subito sottratti alcuni togliendo la scelta agli altri.

Guerra di pasticcini!

Buon week end.

 

eclairs, piccola pasticceria, francia, glassa, pasticcino, frutta secca, pistacchi, crema

 

Ingredienti:

per circa una ventina di eclairs

600 ml di latte

200 gr di zucchero

4 tuorli

60 gr di farina

50 gr di pistacchi

120 gr di cioccolato gianduia

50 gr di zucchero a velo

acqua

 

eclairs, piccola pasticceria, francia, crema, pistacchi, frutta secca, francia, glassa

1 Per le dosi e preparazione degli eclairs cliccate qui, una volta che avete l’impasto, accendete il forno a 190 gradi, prendete una teglia, copritela con un foglio di carta forno, con una tasca da pasticcere con bocchetta liscia distribuite l’impasto dandogli la forma allungata, circa 7 cm, distanziateli fra loro, cuocete per 25 minuti. Proseguite fino al termine dell’impasto.

2 Preparate la crema, in una casseruola sbattete i tuorli con lo zucchero, nel mentre mettete a scaldare a fuoco basso o nel microonde 500 ml di latte, unite la farina setacciata poco alla volta, mescolate e unite i 100 ml di latte restanti.

3 Mettete la casseruola sul fuoco medio, unite il latte caldo e cominciate a mescolare con un cucchiaio di legno fino a che la crema non si addenserà, circa una decina di minuti, quando è quasi pronta aggiungete i pistacchi tritati finemente e mescolate, assumerà un colore verdino, trasferite in una ciotola per far raffreddare.

eclairs, piccola pasticceria, dolcetto, francia, crema, pistacchi, frutta secca, pasticcino

4 Con un coltello fate un piccolo buco nella superficie inferiore degli eclairs, riempite una tasca da pasticcere con la crema ormai fredda, con una bocchetta non troppo grande farcite gli eclairs, premete delicatamente dentro all’eclairs per evitare che la crema esca di getto, capirete che è pieno dal peso e dal gonfiore della pasta.

5 Preparate la glassa sciogliendo il cioccolato a bagnomaria, unite lo zucchero a velo e l’acqua, amalgamate. Se la glassa vi pare troppo densa aggiungete poca acqua, non deve essere liquida.

eclairs, piccola pasticceria, pasticcino, francia, glassa, crema,pistacchi, frutta secca

eclairs, piccola pasticceria, dolcetto, crema, pistacchi, frutta secca, francia, glassa

DOLCI

Bigne’ con crema ai pistacchi e cioccolato bianco

bignè, crema, cioccolato bianco, pistacchi, piccola pasticceria, dolci

bignè, cioccolato bianco, crema, dolci, piccola pasticceria, finger food, pistacchi

Elogio del bignè, uno solo però perchè gli altri son finiti subito! Li ho sempre guardati con terrore, ognuno ha i suoi mostri, quei piatti che ogni volta che vede pensa che non riuscirà mai a rifarli, per me attualmente le meringhe, non ho mai provato ma quando le vedo lo penso sempre.

I bignè erano uno dei miei mostri, poi nel lontano 2007 feci una lezione con la mitica Csaba dalla Zorza, li vidi preparare da lei con la sua consueta classe, eleganza, con la camicia bianca che dopo 4 ore di corso era ancora di un bianco immacolato mentre noi allievi nonostante il grembiule avevamo sbuffi di farina in faccia, segni di cioccolato e quant’altro.

Da allora li ho preparati decine e decine di volte, dolci e salati, l’unica difficoltà è capire bene quante uova mettere, se ne metti poche non cresce bene e rimane umido, se ne metti troppe l’impasto risulta liquido e quindi non vengono bignè ma paninetti.

Il mio è un ripieno improvvisato con quello che avevo, tempo per una crema pasticcera non ce n’era così ho semplicemente montato insieme una divina crema di pistacchi e della panna fresca con l’aggiunta del cioccolato bianco, un dolcetto perfetto per le feste, buono e non troppo grande.

Prima o poi affronterò anche la questione meringhe! Son di corsa, vi auguro una felice giornata, a Milano grigia che più grigia non si può.

bignè, crema, cioccolato bianco, pistacchi, piccola pasticceria, dolci

 

Ingredienti:

per i bigne’ (circa 20-25)

200 ml di acqua

150 gr di farina

120 gr di burro

1 cucchiaino di zucchero a velo

4-5 uova

200 gr di crema di pistacchi

200 ml di panna fresca

100 gr di cioccolato bianco

1 cucchiaino di zucchero a velo

1 cucchiaio di acqua bollente

 

pistacchi, crema, cioccolato bianco, bignè, dolci, piccola pasticceria, finger food,

1 Preparate i bigne’ mettete l’acqua in un pentolino insieme al burro, portate a bollore poi unite in un solo colpo la farina, mescolate fuori dal fuoco rapidamente, rimettete sul fuoco e girate la pasta ormai compatta per un paio di minuti, spegnete e lasciate la pasta a intiepidire, mescolatela ogni tanto o stendete su un piatto perchè si raffreddi prima.

2 Aggiungete lo zucchero a velo e poi una alla volta le uova, mescolate bene e fate incorporare bene ogni uovo prima di aggiungerne un altro.

3 Accendete il forno a 190 gradi, inserite il composto in una tasca da pasticcere con bocchetta liscia, su una teglia coperta di carta forno distribuite i bigne’ distanziandoli fra loro, se dovesse rimanervi il ciuffetto di pasta (quando staccate la bocchetta per crearne un altro), con un pennello da cucina inumidito di acqua appiattitelo. Infornate per circa 20-25 minuti, dovranno essere belli dorati.

4 Montate la panna fresca con la crema di pistacchi, riponete in frigo per una mezzora poi farcite i bigne’, se siete abili facendo un buchino sotto al bigne’ e quindi farcite con una tasca da pasticcere (tipo siringa), se non siete capaci tagliateli delicatamente a metà (come un panino) e farciteli con un cucchiaino o sempre con la tasca.

5 Preparate la glassa sciogliendo il cioccolato bianco, aggiungete lo zucchero e l’acqua bollente mescolate, potete disporla sotto e adagiarvi sopra il vostro bignè o ricoprire ogni bigne nel modo più classico.

CONSIGLIA Burger di quinoa con mele e fiori di zucca