Browsing Tag:

Pesce

Pesce

Tartare di salmone e avocado

tartare di salmone e avocado

Il salmone un classicone del Natale, difficile che manchi a qualche cena, in un buffet o forse per me è un abitudine perchè da sempre a mio papà ne regalano i clienti.

La tartare è un’idea geniale se amate carne e pesce crudo, ovviamente di ottima qualità e controllato, si prepara in un attimo e potete sbizzarrirvi marinandoli, aggiungendo erbe aromatiche, frutta, verdura, spezie e altro.

Preparate se volete una salsa, maionese semplice o all’aglio, all’aneto, al prezzemolo, della senape, della salsa tipo tonnato, tipo cocktail, altrimenti gustatela in purezza con solo olio limone sale e pepe come la mia.

Ormai ci siamo, dieci giorni a Natale e come sempre se prima lo aspetto, mi piace, quando si avvicina mi mette un po’ tristezza, malinconia, il giorno di Natale poi prima finisce meglio è, lo so, sembro matta, prima mi piace, parlo di addobbi, menu, regali e lucine e poi quando arriva nulla.

Da sempre lo vivo così, diciamo che più si avvicina più cerco di non pensarci e voi? come vivete il periodo natalizio?

 

salmone e avocado in tartare

Ingredienti:

per due persone

200 gr di salmone fresco pulito

1 avocado maturo

olio evo

sale pepe

limone

1 Tagliate il pesce e pezzetti piccoli, tipo quadratini.

2 Sbucciate l’avocado e tagliatelo a pezzetti piccoli.

3 Mescolate insieme i due ingredienti con abbondante limone, condite con olio sale e pepe.

4 Con un coppapasta date la forma alla tartare, consiglio di farlo direttamente nel piatto dove mangerete, lasciate in forma una decina di minuti, se volete anche in frigorifero, togliete delicatamente il cappapasta, servite a temperatura ambiente.

Pesce/ Primi

Tagliolini al nero di seppia con gamberi

tagliolini con i gamberi

Mamma mia che foto scure, effettivamente già il piatto inteso come cibo è nero, mettici che qua si alternano giornate di sole con giornate grigie grigie che alle dieci del mattino dovresti accendere la luce!

E va be’ concentriamoci sul piatto, semplice semplice ma fa sempre la sua figura, la pasta se siete bravi la preparate voi, basta aggiungere al classico impasto per la pasta all’uovo del nero di seppia, quello in bustine del supermercato, il resto un buon sugo di pomodoro con gamberi, un tocco di peperoncino e per me è un signor primo piatto.

Pronti via da oggi il count down natalizio è partito senza se e senza ma, anche i più restii, gli schivi, chi non lo ama, chi lo cancellerebbe e altro, devono arrendersi e mettere in conto da oggi sarà tutto un parlare di cenoni, regali, panettoni, lucine, addobbi, alberi, stelline  e tanto altro!

Qua oggi è prevista neve…chissà speriamo! Buon week end!

 

Ingredienti:

per due persone

230 gr di tagliolini al nero di seppia

150 ml di passata di pomodoro

mezzo spicchio di aglio

olio evo

peperoncino

100 gr di gamberi (i miei grandi argentini anche se sembrano piccoli)

 

tagliolini all'uovo con gamberi

1 Fate il sugo scaldando dell’olio in una padella antiaderente, aggiungete lo spicchio di aglio e il peperoncino, quantità a piacere, unite la passata e fate cuocere per una trentina di minuti almeno, se vi pare acida aggiungete un pizzico di zucchero.

2 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, quando bolle salate, buttate i tagliolini e aggiungete i gamberi al sugo, fate insaporire per una decina di minuti o fino a che la pasta non risulterà pronta, scolate, amalgamate e servita subito.

Patate/ Primi

Fettucce con polpo e patate piccanti

fettucce con polpo e patate piccanti

Polpo e patate un duo classico, un po’ come dire cacio e pepe, pomodoro e mozzarella, prosciutto e melone e molti altri, di solito si mangia in insalata condito con olio sale pepe e prezzemolo, oggi nella pasta piccante.

Piccante grazie al peperoncino numero 5 Jalapeno di Peperita  peperoncino di media piccantezza che si sposa bene con le verdure, il pesce, le torte salate, oltre allo Jalapeno ho utilizzato anche il condimento Chilisecret che si ottiene dalla spremitura di olive, peperoncino, curcuma e pepe, per me fantastico.

Il risultato una pasta piccante ma il giusto con quell’aroma di curcuma e retrogusto di olive a insaporirla, un piatto inventato che sicuramente replicherò e che mi spiace aver fatto un dosi giuste ma non sufficienti a togliersi la voglia.

Amanti del peperoncino sul sito di Peperita trovate un’ampia gamma di scelta, dai più delicati ai quelli per palati forti, non mancano consigli per gli abbinamenti e altri prodotti sempre a base di peperoncino.

La giornata, come sempre ultimamente, è molto ricca e piena di cose da fare per cui mi bevo un’ altra tazza di te e mi metto al lavoro. Buon martedì.

 

fettucce con polpo e patate al peperoncino

 

Ingredienti:

per due persone

200 gr di fettucce

2 patate medio/piccole

120 gr di polpo

Chilisecret di Peperita (o olio in alternativa)

peperoncino (per me numero 5 jalapeno)

prezzemolo

sale

 

fettucce con polpo e patate al peperoncino

 

1 Lessate le patate, sbucciatele e tagliate a pezzetti grossolanamente.

2 Lessate il polpo e tagliatelo a pezzetti.

3 Mettete a bollire l’acqua per la pasta, nel mentre in una padella scaldate un paio di cucchiai abbondanti di Chilisecret, unite le patate e il polpo, il peperoncino, regolate di sale e lasciate insaporire per 5-10 minuti.

4 Buttate la pasta poi scolatela e saltatela un paio di minuti nel condimento, servite aggiungendo un pizzico di prezzemolo.

 

pasta con polpo e patate piccanti

Pesce/ Primi/ Senza categoria/ verdure

Noodles con fiori di zucca e mazzancolle al chili

noodles saltati con mazzancolle e fiori di zucca in salsa chili

Un esperimento, dubito o quanto meno non credo che nei paesi orientali mangino i fiori di zucca ma li avevo, durano poco e con le mazzancolle si sposano alla perfezione. Ho visto i noodles che stazionavano da un po’ in dispensa e adorandoli ho pensato ecco il pranzo.

Sempre in dispensa ho visto la salsa chili thailandese, acquistata diversi mesi fa e mi sono detta proviamo, a me sono piaciuti, la salsa ottima per nulla piccante come credono in tanti.

Sto cercando di godere appieno delle verdure estive che fra poco ci abbandoneranno e io e amo tanto, molto più di quelle invernali, melanzane, peperoni, pomodori, fagiolini, fiori di zucca, cetrioli, il basilico fresco mi mancheranno!

Mi mancheranno ma è vero che l’aria specie mattina e sera ormai è frizzantina, un golfino fa piacere e quindi viene naturale pensare a torte da colazione al cioccolato, le prime zuppe, un bell’arrosto e riporre la gelatiera, desiderare piatti caldi.

Voi come vivete questo periodo di transizione? Buona giornata.

 

noodles thailandesi conditi con mazzancolle fiori di zucca e salsa chili

Ingredienti:

per due persone

180 gr di noodles

una decina di fiori di zucca ( i miei erano grandi)

130 gr di mazzancolle

2 cucchiai di olio

2 cucchiai di salsa chili

sale pepe

1 Pulite le mazzancolle e i fiori di zucca precedentemente lavati.

2 In una padella mettete a scaldare l’olio poi unite i fiori e le mazzancolle, fate saltare per 3-4 minuti poi unite la salsa chili, mescolate, assaggiate e regolatevi secondo il vostro gusto, se metterne di più o cominciare mettendone meno. Cottura in tutto 10-15 minuti al massimo giusto il tempo di far amalgamare la salsa al resto.

3 Nel frattempo mettete a scaldare l’acqua, per i noodles seguite le istruzioni sulla confezione, i miei sono stati in acqua qualche minuto dopo l’ebollizione poi scolati e saltati nel condimento.

4 Regolate di sale e pepe e servite subito caldi.

 

Antipasti

Mini panzerotti di melanzane pinoli e acciughe

panzerotti, lievitati, finger food, aperitivo, pesce, acciughe, pinoli, frutta secca, verdure, melanzane

Eccomi nuovamente a scrivere, torno con una ricetta decisamente sfiziosa, del resto quando si parla di fritto cosa non è sfizioso? Panzerotti dal sapore estivo, anche se devo dire che in montagna l’atmosfera è cambiata, c’è il sole ma l’aria è fredda, niente a che vedere con dieci giorni fa.

Il clima è più settembrino, le giornate si sono accorciate, serve un maglione quando non c’è il sole e la sera si accende volentieri la stufa o il camino, amen, non sono una nostalgica delle stagioni, l’estate  è stata lunga, calda, troppo calda, ben venga che arrivino giornate diverse.

Tornando alla ricetta, sono panzerotti piuttosto sprint da fare, per anni ho seguito una ricetta, in montagna non ho nulla, non avevo voglia di fare ricerche su internet così sono andata ad occhio, grossi errori non credo se ne possano fare.

Inutile dire che sono buoni mangiati caldi, ho fatto tre foto in croce, senza set, senza fronzoli o altro, la platea reclamava di mangiare e non mi sono fatta attendere.

Buona settimana, soprattutto a chi torna al lavoro!

 

lievitati, panzerotti, acciughe, melanzane, verdure, pesce, pinoli, frutta secca, finger food, aperitivo

 

Ingredienti:

per circa 13-14 panzerotti mini

200 gr di farina 00 bio

6-7 gr di lievito di birra

sale

acqua q.b.

olio per friggere

1 melanzana

1 cucchiaio di pinoli

4-5 filetti di acciughe

olio evo

 

pesce, acciughe, melanzane, verdure, lievitati, panzerotti, finger food, aperitivo, pinoli, frutta secca

 

1 Preparate la pasta, in una ciotola capiente o su un piano di lavoro, versate la farina, aggiungete il lievito sbriciolato, il sale e l’acqua tiepida, cominciate a lavorare aggiungendo poca acqua alla volta fino ad aver ottenuto una pasta liscia omogenea  e compatta, coprite e fate riposare.

2 Lavate la melanzana o se preferite sbucciatela, tagliatela a tocchetti, in una padella versate due cucchiai di olio, dopo un paio di minuti aggiungete la melanzana e un po’ d’acqua, lasciate cuocere con il coperchio per circa 20 minuti dando un’occhiata ogni tanto.

3 Dopo 20 minuti, aggiungete  i filetti di acciuga e i pinoli mescolate e lasciate insaporire per altri dieci minuti. Spegnete e lasciate intiepidire.

4 Su un piano di lavoro versate della farina, stendete la pasta con il mattarello, deve essere abbastanza sottile, con una tazza o ciotola formate dei cerchi di pasta, farciteli per metà senza esagerare con il ripieno, richiudeteli subito a mezzaluna, se necessario aiutatevi con un po’ d’acqua sui bordi, proseguite fino al termine dei cerchi/ripieno.

5 Scaldate abbondante olio per frittura in una casseruola a sponde alte, quando sarà ben caldo immergete due tre panzerotti alla volta, lasciate dorare bene da entrambi i lati, scolate su un foglio di carta assorbente, regolate di sale, cuocete anche gli avanzi di pasta simil gnocco fritto. Servite caldi.

 

Pesce

Burger di spada e zucchine

burger, pesce spada, pesce, zucchine, verdure, panino

Buon venerdì a tutti, penso che per tanti di voi sia il giorno più atteso dell’anno. Quello in cui si chiude casa, si tira fuori il costume, si prepara lo zaino, i panini per il viaggio, si chiude il gas e l’acqua e via per le tanto attese e agognate vacanze.

Ovunque andiate buone vacanze di sole, natura, buon cibo, relax, tanti libri, belle persone e divertimento.

Oggi idea buonissima e veloce come sempre, giusto il tempo di saltare le zucchine che volendo potete anche grigliare in forno o sulla piastra, le patate le mettete in forno e poi farcite il panino.

Niente salse, intingoli, solo pesce zucchine e sale al limone, tutto sommato light!

Il sole è alto dopo giorno così così corro a godermelo, buon week end!

 

burger, panino, spada, pesce spada, zucchine, verdure

Ingredienti:

due panini

3 zucchine

2 pezzi di pesce spada da circa 100 gr ognuno

olio evo

sale al limone

 

burger, pesce spada, pesce, panino, zucchine, verdure

 

1 Lavate e spuntate le zucchine, tagliatele a metà e poi a fette con una mandolina.

2 In una padella antiaderente scaldate due tre cucchiai di olio, aggiungete le zucchine e fate cuocere circa una decina di minuti, anche meno se sono sottili, scolate su un foglio di carta assorbente.

3 Nel mentre nella stessa padella cuocete il pesce spada, bastano pochi minuti.

4 Tagliate a metà i panini farciteli con fette di zucchine poi il pesce, regolate di sale, mettete altre zucchine, mangiate subito.

 

pesce, pesce spada, zucchine, verdure, panino, burger, piatto unico

 

Primi

Bulgur con zucchine gamberi e mandorle

bulgur, cereali, mandorle, frutta secca, zucchine, verdure

Prima volta del bulgur su questi schermi, non lo mangio spesso effettivamente seppur mi piace come tutti i cereali, soprattutto d’estate quando puoi condirlo con qualsiasi cosa, i miei classici tonno ceci e pomodori, pesto e gamberi, peperoni e zucchine, pollo cipollotto zenzero ecc…

La comodità è prepararlo prima, d’estate non ho tanta voglia di stare in cucina, cucino eh, non mangio solo piatti freddi, pronti o insalata ma se in inverno è piacevole trascorrere le ore in cucina, in estate cerco di starci poco anche perchè la mia è caldissima.

Quindi preparo a rate se il piatto prevede più preparazioni, in questo caso in mattinata ho fatto il bulgur e prima di cena le zucchine, mentre cuocevano ho pulito i gamberi. Mangiare bene e vario comunque ma senza dedicarci ore, per esempio quando sono in montagna se c’è il sole voglio stare fuori il più possibile.

E’ mercoledì ma sono convinta sia giovedì, i misteri, vi auguro una buona giornata in questo anniversario importante!

 

bulgur, cereali, mandorle, frutta secca, zucchine, verdure, gamberi, pesce

Ingredienti:

per due persone

170 gr di bulgur

1 zucchina grande

120 gr di gamberi

1 cucchiaio di lamelle di mandorle

1 cucchiaio di farina abbondante

olio

sale pepe

 

bulgur, cereali, mandorle, frutta secca, zucchine, verdure, gamberi, pesce

 

1 Cuocete il bulgur come da istruzioni, il mio 15 minuti in acqua bollente, come la pasta, lasciate raffreddare.

2 Lavate, pulite e tagliate a rondelle sottili la zucchina, passatele nella farina e saltatele in una padella con dell’olio per circa 5-7 minuti, non devono galleggiare nell’olio. Scolatele su un foglio di carta assorbente.

3 Pulite i gamberi.

4 In una ciotola o piatto da portate riunite tutti gli ingredienti, il bulgur, le zucchine, i gamberi e le mandorle, condite con olio evo, regolate di sale e pepe, servite.

Primi

Linguine al pomodoro olive e acciughe

linguine, pasta, pomodoro, passata, olive taggiasche, acciughe, pesce

 

Quando si dice il lusso della semplicità, una pasta veloce ottima, dai sapori decisi e genuini, il trionfo dell’italianità.

In primis la pasta, il nostro orgoglio nel mondo, il nostro marchio distintivo insieme alla pizza e al caffè, un prodotto versatile economico, che si prepara veloce, che ha mille formati, nomi di tutti i tipi, si trova ovunque, si condisce con qualsiasi cosa.

Il pomodoro, che dire? sempre buono, che sia sulla bruschetta, in insalata, la passata, farciti, ripieni, arrosto, confit, in versione confettura, cocktail, anche in questo caso tanti tipi dal ramato ai perini, dai ciliegini ai costoluti e i datterini, san marzano ecc…

Le olive taggiasche, orgoglio ligure, le acciughe.

Insomma io di questo piatto sono innamorata, è chiaro? Credo di si, sicuro io sono una pasta addicted, anche se a dire il vero a me i primi piacciono tutti, se devo scegliere fra primo e secondo, primo tutta la vita!

E voi che portata preferite? Buon week end.

 

linguine, pasta, pomodoro, olive taggiasche, pesce, acciughe

Ingredienti:

per due persone

200 gr di linguine

120 gr di passata di pomodoro MUTTI

2 cucchiai di olive taggiasche

5-6 filetti di acciughe

olio all’aglio e peperoncino

sale pepe

 

linguine, pasta, pomodoro, acciughe, pesce, olive taggiasche

1 Scaldate in una padella dell’olio, unite la passata e lasciate cuocere per 15 minuti a fuoco medio, unite le acciughe e le olive mescolate, regolate di sale.

2 Nel mentre mettete a bollire l’acqua per la pasta, quando bolle salate e versate le linguine seguendo le tempistiche indicate.

3 Fate cuocere il sugo altri 10 minuti, spegnete pochi minuti prima di scolare la pasta, scolate e amalgamate, servite subito spolverando con il pepe.

NOTE questo sugo potete prepararlo come preferite con più acciughe o meno olive, con più pomodoro, con aglio e peperoncino scaldati in olio evo, io avevo un olio aromatizzato, potete saltarli, insomma seguite i vostri gusti che non sbagliate!

 

olive taggiasche, pomodoro, passata, pasta, linguine, acciughe, pesce

Primi

Riso con melone e gamberetti

riso, cereali, primi, gamberetti, pesce, frutta, melone

riso, primi, cereali, frutta, melone, pesce, gamberetti

Una ricetta che è una non ricetta, non c’è molto da fare se non cuocere il riso, pulire il melone, assemblare gli ingredienti, piatto fresco, veloce, in linea con la stagione e le temperature.

Ho anche messo accanto una crema di avocado, a parte perchè potrebbe non piacere insieme al resto, provate e stabilite se è un abbinamento che vi conquista o meno, a me non è dispiaciuto!

L’avocado è fondamentale nella mia cucina estiva, nel dolce e nel salato è versatile, per creme, in insalata, condito semplicemente con olio e limone, con il pesce, nella pasta, ottimo con il cioccolato, sul pane, nel mitico avocado toast! E anche un bel colore!

Siamo a giovedì e mi sembra che la settimana sia volata senza averne colto molto, un po’ sfuggente, un po’ faticosa, con un paio di notti insonni di troppo, pensieri che girano vorticosamente, qualche risata improvvisa, un libro che voglio rileggere e non trovo più.

Buona giornata.

riso, cereali, primi, gamberetti, pesce, frutta, melone

Ingredienti:

1 melone piccolo

100 gr di Riso Buono Artemide

2 cucchiai di gamberetti

olio evo

sale pepe

riso, cereali, primi, frutta, melone, gamberetti, pesce

1 Cuocete il riso, lasciate raffreddare.

2 Tagliate a metà il melone, con un cucchiaio svuotate l’interno dai semi e con uno scavino togliete il resto tenendolo da parte.

3 Scolate bene i gamberetti.

4 In una ciotola unite i tre ingredienti, condite, regolate di sale e pepe e farcite le vostre metà di melone

Se volete aggiungere la crema di avocado, semplicemente pulite un melone e lo frullate o schiacciate con un cucchiaio di mascarpone, salate.

riso, cereali, primi, gamberetti, pesce, frutta,melone

 

Lievitati

Focaccia con peperoni e acciughe

Diciamo non alta ma neanche bassa, non sono un’esperta e ogni volta viene fuori una focaccia o pizza diversa, a me piacciono entrambe le versioni, alta morbidosa, bassa unta e croccante, semplice, farcita, mi accontento facilmente.

Sto cercando di terminare un tot di farine essendo arrivato il caldo, oggi meno degli altri giorni a dire il vero, c’è una bella arietta ma comunque nei mesi estivi vuoi che le farfalline vengono a farmi visita spesso, vuoi che accendere il forno in casa mia è un’esperienza che mette a dura prova, mangio preferibilmente piatti freddi, freschi, senza lunghe cotture.

Certo ogni tanto a una torta al cioccolato o altro non rinuncio!

Oggi son di poche parole, ho dormito ma è come se necessitassi ancora di altre ore di riposo, vi auguro un buon giovedì e dai che siamo a un passo dal week end!

Ingredienti:

400 gr di farina 00 bio

9 gr di lievito di birra

acqua q.b.

sale

olio evo

2 peperoni

4-5 filetti di acciughe

erba cipollina

1 Preparate l’impasto disponendo la farina in una ciotola capiente o direttamente su un piano da lavoro, spezzettate direttamente il lievito sulla farina, unite due cucchiai di olio, acqua poco alla volta cominciando a impastare, proseguite fino a ottenere una pasta compatta, nel mentre salate.

2 Lavorate la pasta una decina di minuti perchè risulti liscia, compatta, omogenea, coprite e fate livitare, io circa 4 ore.

3 Lavate e pulite i peperoni, accendete il forno a 220 gradi, disponeteli su una teglia coperta da carta forno, apriteli a metà e fateli grigliare per circa 30 minuti, lasciate intiepidire e spellate.

4 Ungete una teglia da forno, disponete la pasta lievitata direttamente con le mani, formate tanti buchini con i polpastrelli, create una salamoia con un po’ di acqua olio sale e grosso, basta un cm di acqua, spennellate la pasta e infornate a 200 gradi per 15 minuti, ripetete l’operazione dopo dieci minuti ungendola bene.

5 Nel mentre tagliate a pezzetti i peperoni, se volete anche le acciughe se no mettetele intere.

6 Aprite il forno e aggiungete velocemente a piacere i peperoni e le acciughe, lasciate cuocere altri 10 minuti, sfornate e decorate con l’erba cipollina tritata, servite subito.

CONSIGLIA Insalata di tuberi e yogurt greco