Browsing Tag:

Frutta secca

Primi

Bulgur con zucchine gamberi e mandorle

bulgur, cereali, mandorle, frutta secca, zucchine, verdure

Prima volta del bulgur su questi schermi, non lo mangio spesso effettivamente seppur mi piace come tutti i cereali, soprattutto d’estate quando puoi condirlo con qualsiasi cosa, i miei classici tonno ceci e pomodori, pesto e gamberi, peperoni e zucchine, pollo cipollotto zenzero ecc…

La comodità è prepararlo prima, d’estate non ho tanta voglia di stare in cucina, cucino eh, non mangio solo piatti freddi, pronti o insalata ma se in inverno è piacevole trascorrere le ore in cucina, in estate cerco di starci poco anche perchè la mia è caldissima.

Quindi preparo a rate se il piatto prevede più preparazioni, in questo caso in mattinata ho fatto il bulgur e prima di cena le zucchine, mentre cuocevano ho pulito i gamberi. Mangiare bene e vario comunque ma senza dedicarci ore, per esempio quando sono in montagna se c’è il sole voglio stare fuori il più possibile.

E’ mercoledì ma sono convinta sia giovedì, i misteri, vi auguro una buona giornata in questo anniversario importante!

 

bulgur, cereali, mandorle, frutta secca, zucchine, verdure, gamberi, pesce

Ingredienti:

per due persone

170 gr di bulgur

1 zucchina grande

120 gr di gamberi

1 cucchiaio di lamelle di mandorle

1 cucchiaio di farina abbondante

olio

sale pepe

 

bulgur, cereali, mandorle, frutta secca, zucchine, verdure, gamberi, pesce

 

1 Cuocete il bulgur come da istruzioni, il mio 15 minuti in acqua bollente, come la pasta, lasciate raffreddare.

2 Lavate, pulite e tagliate a rondelle sottili la zucchina, passatele nella farina e saltatele in una padella con dell’olio per circa 5-7 minuti, non devono galleggiare nell’olio. Scolatele su un foglio di carta assorbente.

3 Pulite i gamberi.

4 In una ciotola o piatto da portate riunite tutti gli ingredienti, il bulgur, le zucchine, i gamberi e le mandorle, condite con olio evo, regolate di sale e pepe, servite.

DOLCI

Gelato al cioccolato bianco e macadamia

dolci, dolci al cucchiaio, macadamia, frutta secca, cioccolato bianco, gelato

Finalmente un gelato! Ho atteso parecchio tempo prima di tirar fuori la gelatiera, un po’ per questioni di spazio, un po’ per questioni di assenza, nel senso che non sono stata a casa diversi giorni.

E’ tornato caldo e il gelato è un toccasana, un vero sollievo, onestamente non ero pronta a questa ondata di calore un po’ improvvisa, ci sta siamo in piena estate ma arranco, mi sento stordita.

Tornando al gelato, ho optato per il cioccolato bianco perchè ne avevo in frigorifero da terminare, avevo anche la macadamia aperte, un gusto per me eccellente, direi quasi divino, potete apportare varie varianti aggiungendo altra frutta secca o frutta fresca, per esempio le amarene che io adoro, parlo di quelle sciroppate.

Vi auguro un buon week end di sole, mare, scampagnate, relax, fra i monti, in vacanza, con amici o chiusi in casa con l’aria condizionata!

 

 

Ingredienti:

175 gr di cioccolato bianco

4 tuorli

150 gr di zucchero

750 ml di panna

250 ml di latte

100 gr di noci macadamia

 

dolci, dolci al cucchiaio, cioccolato bianco, frutta secca, macadamia, gelato

1 Tritate finemente il cioccolato e scioglietelo a bagno maria.

2 In una ciotola sbattete i tuorli con lo zucchero, se usate uno sbattitore  è meglio, smettete quando il composto sarà chiaro e spumoso.

3 In una casseruola portate a bollore la panna e il latte, versatelo a filo sul composto di uova e zucchero mescolando.

4 Unite il cioccolato, amalgamate.

5 Spezzettate finemente trequarti delle noci, tenetene da parte alcune per la decorazione.

6 Versate il composto tiepido nella gelatiera e seguite le istruzioni.

 

dolci, dolci al cucchiaio, cioccolato bianco, frutta secca, macadamia gelato

DOLCI

Pancake ai pistacchi

pancake, pistacchi, frutta secca, colazione, merenda, dolci, dal mondo, senza lattosio

pancake, dal mondo, frutta secca, pistacchi, colazione, merenda, senza lattosio

 

Come i più attenti avranno notato, sto apportando alcune modifiche al blog, piccoli cambiamenti per svecchiare un po’, del resto qualsiasi casa dopo qualche anno necessita di un tocco di pittura alle pareti, qualche cambio mobile, qualcosa si mette da parte per dare spazio alle novità.

Spero di non metterci molto a ultimare il trasloco, per ora pazientate con me.

Una ricetta per la colazione o merenda di una semplicità unica, diciamo pure una ricetta per terminare le uova, la farina che con il caldo patisce un po’, il burro fresco di malga da finire, un fondo di farina di pistacchi e del latte aperto!

Giovedì parto per qualche giorno e non voglio lasciare in frigorifero confezioni, bottiglie aperte, rimasugli, e comunque amo i pancake per la loro semplicità, versatilità, buoni sempre, non troppo dolci, da farcire o mangiare da soli, con marmellata o frutta, con sciroppo d’acero o crema al cioccolato e tanto altro.

Con i pistacchi non li avevo mai fatti, qua ne trovate diverse versioni, con nocciole, al cacao, alle mele e cannella, speziati, con la frutta ma pistacchi mai, buona giornata!

 

pancake, pistacchi, frutta secca, colazione, merenda, dal mondo

Ingredienti:

150 gr di farina 00 bio

50 gr di farina di pistacchi

1 uovo

200 ml di latte (io senza lattosio)

150 gr di zucchero di canna

1 cucchiaino di lievito

burro per la padella

 

pancake, pistacchi, frutta secca, colazione, merenda, dolci, dal mondo, senza lattosio

 

1 Mettete in una ciotola le farine, lo zucchero e il lievito, mescolate.

2 Unite l’uovo e il latte, mescolate con una frusta.

3 Ungete con il burro una padella antiaderente, fatela scaldare bene poi versate poco più della metà di un mestolo di composto, lasciate cuocere due tre minuti fino a che non vedete comparire delle bolle in superficie, girate il pancake con una spatola, fate cuocere per un minuto.

4 Proseguite fino al termine della pastella.

 

 

pancake, pistacchi, frutta secca, colazione, merenda, dolci, senza lattosio, dal mondo

DOLCI

Torta di riso, amarene e noci pecan

 

Maggio, finito e volato nel bene e nel male!

La bellezza del castello di Felino, della campagna parmense, di ottimi prodotti, a cominciare da salame e parmigiano, ottima compagnia  e un pranzo da principesse.

Tutto Food, tanti nomi importanti dell’enogastronomia italiana e internazionale, piccoli produttori, grandi assaggi, scoperte, chiacchiere piacevolissime a scoprire le bellezze culinarie del nostro Paese.

Due tardi pomeriggio in albergo, io come ospite in attesa di riuscire, una chiacchierata bella e rara, un altro momento di vicinanza unica in un momento importante per un’amica.

L’emozione di un incontro importante, atteso da mesi, desiderato, di cui abbiamo tanto parlato e poi vedersi per tre giorni condividendo chiacchiere, pranzi, idee, istanti, confidenze.

Due volte il festival dello street food, con un’amica storica e una più recente, la bellezza di godersi un panino all’aperto, anche se a Milano.

I sapori di Ferrara, una macelleria eccellente, una torrefazione e una cioccolateria, quando il lavoro è in primis passione, etica, credere ciecamente in un metodo di lavoro serio e sano!

Il primo livello del corso per sommelier superato e una giornata in vigna sotto il diluvio universale per festeggiare la fine del corso.

Un pomeriggio con un’amica romana in trasferta a Milano, chiacchiere, assaggi, incontri, racconti splendidi.

Un sabato pomeriggio a fare bigne’ con i bambini della clinica De Marchi, cantare, ballare, dipingersi farfalle e altro sul volto.

Un pomeriggio al parco a praticare Nordic walking per parlare di prevenzione, importante di praticare attività fisica e coinvolgere sulla Sclerosi Multipla.

Un pomeriggio di chiacchiere e cucina per realizzare un libro di ricette nel luogo dove ho lavorato sei anni!

Un pranzo per So Lunch, chiacchiere, spaghetti, peperoncino e un bel progetto!

E stasera si chiude con una cena con amici storici a base di prodotti umbri e marchigiani acquistati dai produttori che hanno subito danni con il terremoto.

Un mese che pare un anno!

 

 

Ingredienti

1 litro di latte fresco

200 gr di riso Ferraris

130 gr di zucchero

2 uova

2 cucchiai di Amarene Fabbri

100 gr di noci pecan

zucchero a velo

 

 

1 Mettete il latte e lo zucchero in una casseruola a sponde alta, dopo circa una decina di minuti quando il latte è caldo aggiungete il riso, ci metterà circa una mezzora a cuocere e assorbire interamente il latte ma state attenti, girate spesso con un cucchiaio di legno, controllate che non attacchi, deve rimanere cremoso, una volta pronto trasferite in una ciotola e lasciate intiepidire.

2 Unite le uova, mescolate, unite le amarene e le noci, amalgamate.

3 Accendete il forno a 200 gradi, versate il composto in uno stampo, io al silicone quindi niente butto, valutate in base allo stampo che scegliete, cuocete per circa 30-35 minuti, sfornate, lasciate raffreddare del tutto e decorate con zucchero a velo.

 

Grazie a Riso Ferraris per il gentile e apprezzato omaggio!

 

 

DOLCI

Crepes con crema al pistacchio

crepes, uova, colazione, merenda, dolci, frutta secca, pistacchi, crema

crepes, uova, merenda, dolci, frutta secca, pistacchi, crema, colazione

 

Giornate molto intense, ricche di tante cose, sto lavorando presso una fiera, fuori casa tutto il giorno, tante amiche non di Milano, tante risate, parole, serate, ho una casa che pare abbandonata, il frigorifero ha l’eco quando lo apri, tremila altre cose a cui stare dietro nonostante tutto.

Vi lascio una ricetta semplicissima ma divina se come me amate la crema al pistacchio, la vera crema al pistacchio made in Sicilia, arriva infatti da Catania, gentile pensiero di un’amica blogger, eccezionale, da prendere un cucchiaino e finirla.

Scappo che la giornata è lunga e intensa!

 

crepes, uova, colazione, merenda, pistacchi, frutta secca, crema, uova

 

Ingredienti:

4 uova

250 gr di farina

60 gr di burro + una noce per la padella

500 ml di latte

crema di pistacchi

zucchero a velo

 

crepes, uova, colazione, merenda, dolci, frutta secca, pistacchi, crema

 

1 Sbattete le uova in una ciotola.

2 Fondete il burro e lasciatelo intiepidire.

3 Aggiungete alle uova la farina poco alla volta alternandola con il latte aggiunto a filo.

4 Unite il burro e mescolate.

5 Ungete una padella antiaderente di burro, lasciatela scaldare bene e versate poco più di metà mestolo di pastella, lasciate cuocere fino a che non compaiono delle bollicine di superficie e i bordi si staccano bene, verificate con una spatola, giratela dall’altra parte e fate cuocere ancora un minuto, proseguite fino al termine della pastella.

6 Farcite le crepes e servite spolverando di zucchero a velo.

 

crepes, uova, colazione, merenda, pistacchi, dolci, frutta secca

 

DOLCI

Millefoglie con crema al torroncino e amaretti

millefoglie, amaretti, torrone, frutta secca, dolci, dolci al cucchiaio, creme

millefoglie, amaretti, torrone, frutta secca, dolci, dolci al cucchiaio, creme

Sono cresciuta con le torte fatte in casa, tre fratelli, ogni settimana almeno due tre torte venivano sfornate per noi e per i vari amici che giravano per casa, un classico la torta Paradiso, tipica di Pavia, a due passi da Milano.

Un dolce semplice, casereccio, da credenza, ottimo da solo o da inzuppare, farcire, decorare, oggi rivisitato in versione millefoglie, altro dolce per cui stravedo.

Un dolce che ha il profumo della mia regione, la Lombardia, la crema infatti è preparata con il torroncino, altra eccellenza di cui ci vantiamo in tutto il mondo. Non contenta di aver scomposto la torta paradiso, ho inserito uno strato di pasta sfoglia, leggera, fragrante, ben sfogliata e diciamocelo ottima anche da sola.

La sfoglia e gli amaretti sono del Forno Bonomi, un forno nato nella seconda metà dell’800 nelle zone montuose in provincia di Verona. Da piccolo forno di paese il Forno Bonomi è diventato una realtà moderna e conosciuta  in tutto il mondo, specializzata sulla tradizione dolciaria, savoiardi, amaretti, sfoglie, biscotti, le mie preferite le sfogliatine, semplici o glassate.

Conoscevo i prodotti di questa azienda ma non sapevo che la loro sede fosse ubicata a quasi mille metri di altitudine, da brava amante (e diciamolo anche un po’ fissata) della montagna subito mi ha incuriosito approfondirne la conoscenza e assaggiare i tanti prodotti da forno che spaziano dalla colazione al dessert.

Un forno antico, sano, che può godere di acqua e aria buona per realizzare i propri prodotti, inoltre trovandosi in un piccolo paese rappresenta anche un’importante realtà imprenditoriale sul territorio svolgendo anche un ruolo sociale rilevante.

Il bello di “mettere le mani in pasta” consiste proprio nel far incontrare tradizione con innovazione, rivisitare un dolce classico dandogli un’altra forma, un altro aspetto, unire il cremoso e il fragrante, un dolce che per me profuma di casa, ricordi e sapori che amo come quello degli amaretti e del torrone.

millefoglie, dolci al cucchiaio, dolci, crema, torrone, amaretti, frutta secca

Ingredienti:

Sfoglia Forno Bonomi

Amaretti Forno Bonomi

per la crema:

4 tuorli

200 gr di zucchero

40 gr di amido di mais

600 ml di latte

60 gr di torrone + qualche pezzetto per decorare

per la torta Paradiso:

130 gr di farina

130 gr di fecola di patate

200 gr di burro a temperatura ambiente

250 gr di zucchero a velo (non vanigliato)

5 tuorli

2 uova intere

millefoglie, crema, torrone, frutta secca, amaretti, dolci, dolci al cucchiaio

1 Preparate la torta, montate il burro con lo zucchero con le fruste elettriche o con la planetaria per circa 20 minuti.

2 Unite poco alla volta le uova e i tuorli, continuate a sbattere.

3 Unite la farina, la fecola, amalgamate al composto che deve risultare ben cremoso, quasi pannoso.

4 Accendete il forno a 175 gradi, mentre si scalda imburrate una teglia da forno, meglio se con stampo a cerniera, versate il composto livellando la superficie, infornate per circa 40-45 minuti, sfornate e fate raffreddare.

5 Preparate la crema, sbattete i tuorli con lo zucchero in una casseruola, nel mentre fate scaldare 500 ml di latte, unite la fecola e il restante del latte, amalgamate.

6 Tritate il più finemente possibile il torrone, unitelo al composto di uova, accendete il fuoco medio, versate il latte caldo e filo e mescolate fino a che la crema non si addenserà, 8-10 minuti, travasata in una ciotola e lasciate raffreddare.

7 Assemblate il dolce, ricavate dei cerchi grandi come il vostro bicchierino sia di torta paradiso che di sfoglia Bonomi, mettete sul fondo del bicchiere la torta paradiso, aggiungete un cucchiaio abbondante di crema poi mettete uno strato di sfoglia poi ancora crema, decorate con pezzetti di torrone e amaretti sbriciolati grossolanamente, riponete in frigorifero almeno un paio d’ore prima di servire.

dolci, dolci al cucchiaio, amaretti, torrone, creme

DOLCI

Torta al gianduia e noci pecan

dolci, colazione, merenda, cioccolato, gianduia, frutta secca, noci pecan

dolci, colazione, merenda, cioccolato, gianduia, frutta secca, noci pecan

Primo post dell’anno non può che essere con il cioccolato e precisamente con il mio preferito, al gianduia!

Felice 2017 a tutti!

Una torta di una semplicità unica, che si prepara in un attimo e potete decidere voi che consistenza darle, io l’ho cotta venti minuti e il risultato è compatta ma appena inserisci il coltello tende a rompersi, se la lasciate meno otterrete l’effetto cremoso, simil mousse.

E’ piuttosto dolciastra, diminuite lo zucchero se non amate i dolci troppo zuccherosi, per me lo è davvero troppo ma sapevo che i destinatari avrebbero amato la dolcezza, oppure optate per il cioccolato fondente.

Per chi è in vacanza, godetevela, per chi lavora forza e coraggio, per tutti iniziate questo anno con il botto, di ottimismo, entusiasmo, progetti e positività ovviamente!

torta, cioccolato, gianduia, colazione, merenda, frutta secca, noci pecan

Ingredienti:

250 gr di cioccolato gianduia

160 gr di zucchero

4 uova

160 gr di burro

100 gr di noci pecan

zucchero a velo

dolci, colazione, merenda, cioccolato, gianduia, frutta secca, noci pecan

1 Sciogliete il cioccolato con il burro a bagnomaria, lasciate intiepidire.

2 Sbattete le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso e chiaro.

3 Unite il cioccolato alle uova, amalgamate, unite trequarti delle noci.

4 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda imburrate uno stampo a cerniera o una tortiera qualsiasi, versatevi il composto, cuocete per 20 minuti.

5 Una volta fredda spolverate di zucchero a velo e decorate con le restanti noci.

dolci, cioccolato, gianduia, colazione, merenda, frutta secca, noci pecan

Antipasti

Alberelli di parmigiano e mascarpone

alberelli, natale, mascarpone, parmigiano, formaggio, pistacchi, frutta secca, finger food, antipasto, aperitivo

alberelli, natale, formaggio, mascarpone, parmigiano, pistacchi, frutta secca, finger food, antipasto, aperitivo

Un’idea semplice semplice e per me che amo il parmigiano alla follia squisita! Dei classici biscotti vestiti a festa dandogli la forma di alberello.

Ho in mente tante ricette natalizie, tutte decisamente semplici e rapide da preparare,  magari cambierò idea ma dubito di avventurarmi in ricette elaborate, da molteplici preparazioni, diverse ore di lavoro.

In fondo, mia opinione, a Natale trionfano i grandi classici e qualche novità rapida da preparare, la maggior parte della gente che conosco mangia sempre le stesse cose, la tradizione prevede un menu tradizionale dove alcune portate non possono assolutamente mancare.

A casa mia non esistono tradizioni particolari ma ogni anno optiamo per un mix fra classici e qualche piatto nuovo ma mai nulla di complicato, il tempo non è mai abbastanza, e poi non siamo in mille, ne’ ci sono nonne, zie, donne di casa che si chiudono in cucina per giornate intere a spignattare. Al massimo io e mia mamma.

Voi cosa preparate a Natale? Avete piatti immancabili? Ogni anno cambiate o siete ospiti quindi non sapete cosa mangerete? Se avete voglia raccontatemi il vostro menu di Natale!

Buona settimana.

alberelli, parmigiano, formaggio, finger food, aperitivo, antipasto, mascarpone, pistacchi, frutta secca, natale

Ingredienti:

1 uovo

100 gr di parmigiano grattugiato

120 gr di farina

100 gr di burro freddo

sale pepe

80 gr di mascarpone morbido

50 gr di parmigiano grattugiato

30 gr di pistacchi

alberelli, natale, mascarpone, parmigiano, formaggio, pistacchi, frutta secca, finger food, antipasto, aperitivo

1 In una ciotola lavorate la farina e il burro, otterrete un impasto simile a briciole.

2 Unite il parmigiano, l’uovo, sale e pepe, impastate fino a ottenere una pasta omogenea e compatta, riponete in frigorifero per un’ora.

3 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda stendete la pasta su un piano infarinato o fra due fogli di carta forno, formate gli alberelli con quattro stampini a stella di forma decrescente, altezza 5mm circa.

4 Proseguite fino al termine della pasta, rimpastate i vari avanzi.

5 Disponete su una teglia coperta da carta forno, cuocete per circa 13-14 minuti, son pronti quando saranno dorati.

6 Preparate la crema lavorando insieme il mascarpone, i pistacchi tritati grossolanamente e il parmigiano.

7 Una volta che i biscotti si saranno raffreddati, riempite una tasca da pasticcera con bocchetta liscia, distribuitene un po’ sul biscotto più grande, premeteci sopra delicatamente il secondo biscotto, proseguite nello stesso modo fino a terminare i biscotti.

NOTE: non so dirvi esattamente quanti biscotti vengono con questo impasto, dipende dalla grandezza delle vostre stelle, a me son venuti 8 alberelli e con gli avanzi ho fatte delle stelle con lo stampo più piccolo. Rispetto alla cottura regolatevi in base all’altezza che date ai biscotti, se li date più alti di 5mm lasciateli un paio di minuti in più.

aperitivo, antipasto, finger food, frutta secca, pistacchi, formaggio, mascarpone, parmigiano

Primi

Risotto alle nocciole melograno e prosecco

risotto, primi, regionale, piemonte, nocciole, frutta secca, bevande, prosecco, melograno

risotto, primi, regionale, piemonte, nocciole, frutta secca, bevande, prosecco, melograno

Il Piemonte è una regione che amo molto, c’è tutto, cultura, città splendide, cibo eccezionale, vini è superfluo dirlo, montagne da urlo, cosa vogliamo dire di Langhe, Monferrato e Roero? Mica per nulla patrimonio dell’Unesco.

Solo pensando al cibo potremmo scrivere un capitolo lungo, intenso, corposo, pensiamo alle nocciole, a piatti come la bagna cauda, il cioccolato, gli agnolotti di plin, i brasati, il fritto misto alla piemontese, la toma, e i vini? Barolo, Bonarda, Barbaresco, Nebbiolo, Dolcetto d’Alba, ecc…

Vi propongo una risotto, cremoso come piace a me, con un Prosecco piemontese che regala un sapore particolare, con le nocciole che amo e il melograno che dona freschezza ma anche un punta di acidità.

Inutile dire che potrebbe essere anche un ottimo primo piatto per le vostre tavole natalizie!

Buon week end.

risotto, primi, bevande, frutta secca, frutta, melograno, nocciole, prosecco, regionale, piemonte

Ingredienti:

180 gr di riso Carnaroli

brodo di carne o vegetale

2 cucchiaio di burro

50 gr di nocciole spellate

1 cucchiaio di melograno

mezzo bicchiere di prosecco

sale

risotto, primi, bevande, prosecco, melograno, frutta secca, frutta, nocciole piemonte, regionale

1 Scaldate il brodo, come preferite di carne o vegetale.

2 In una casseruola mettete il burro, una volta fuso e quando comincia a sfrigolare aggiungete il riso, tostatelo per un paio di minuti. Unite il bicchiere di prosecco, lasciate sfumare. Regolate di sale.

3 Aggiungete un mestolo abbondante di riso mescolate con un cucchiaio di legno, deve esserci sempre brodo fino al termine di cottura pertanto mescolate di tanto in tanto e controllate che non si asciughi/attacchi, dovrà cuocere circa 18 minuti.

4 Una volta cotto lasciate mantecare con una noce di burro aggiungendo trequarti delle nocciole tritate grossolanamente.

5 Servite e decorate con le restanti nocciole e i chicchi di melograno.

risotto, primi, prosecco, bevande, frutta secca, nocciole, melograno, frutta

DOLCI

Cupcake alle castagne

cupcake, cioccolato, dolci, merenda, colazione, castagne, frutta secca, dal mondo

cupcake, cioccolato, dolci, merenda, colazione, castagne, frutta secca, dal mondo

 

Un dolcetto per cominciare bene il week end, non sono un fan sfegatata dei cupcake, soprattutto della crema al burro che però non uso mai quando li preparo, ammetto che spesso preferisco guardarli che mangiarli.

Tempo fa mi è capitato di guardare una trasmissione su Real Time interamente dedicata ai cupcake, due sorelle che aprono un negozio negli USA dove vendono solo cupcake, delle vere e autentiche meraviglie.

Mille varietà, glasse, decorazioni, colori, creazioni uniche, infinite bocchette della sach a poche, vederle al lavoro splendido, un po’ come per il cake design, da mangiare non mi entusiasma ma vedere la cura, l’attenzione per i dettagli, come vengono create le ambientazioni, definiti i progetti, mi affascina.

Forse il bello di questi dolcetti consiste proprio nel poterli guarnire, farcire, decorare come si vuole, utilizzando i colori, le spezie, la frutta secca, le granelle, codette, sciroppi, per i più abili la creazione una figura o una tema, vedi ora per Halloween ragnetti, mummie, zucche ecc…

Le castagne mi piacciono molto ed è giunto il loro momento, nel week end se il tempo ce lo permette andremo a raccoglierle, se così fosse preparatevi a molteplici ricette.

Buon week end!

castagne, colazione, merenda, dolci, frutta secca, cioccolato, dal mondo, cupcake

 

Ingredienti:

100 gr di farina di castagne

150 gr di farina 00 bio

2 uova

120 gr di zucchero di canna

100 ml di olio di semi

120 ml di latte

mezza bustina di lievito

50 gr di castagne bollite

200 gr di crema di marroni

50 gr di burro

100 gr di cioccolato fondente

codette di cioccolato

 

cupcake, castagne, frutta secca, dolci, dal mondo, cioccolato, colazione, merenda

1 In una ciotola versate le due farine, il lievito e lo zucchero.

2 Aggiungete le uova, il latte, l’olio e mescolate fino a ottenere un impasto omogeneo e cremoso.

3 Unite le castagne spezzettate grossolanamente.

4 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda versate il composto in degli stampi da muffin, riempitelo fino a trequarti (2/3).

5 Infornate per circa 25/30 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.

6 Preparate la crema sciogliendo il cioccolato e il burro a bagno maria.

7 Una volta ben sciolto, togliete dal fuoco e lasciate riposare una decina di minuti poi unite la crema di marroni amalgamate, inserite in una sach a poche e decorate come volete, girando attorno al cupcake, facendo lo sbuffo verso l’altro, a seconda del beccuccio che scegliete cambia la decorazione, se non avete la sach a poche distribuite la crema con un cucchiaino.

Se vi sembra che la crema sia tropo “liquida” aggiungete un cucchiaio di formaggio cremoso tipo robiola.

cupcake, castagne, cioccolato, dolci, merenda, colazione, dal mondo, frutta secca

 

cupcake, cioccolato, dolci, castagne, frutta secca, colazione, merenda, dal mondo, dolci

CONSIGLIA Burger di quinoa con mele e fiori di zucca