Browsing Category

Pesce

Pesce/ Primi/ Senza categoria/ verdure

Noodles con fiori di zucca e mazzancolle al chili

noodles saltati con mazzancolle e fiori di zucca in salsa chili

Un esperimento, dubito o quanto meno non credo che nei paesi orientali mangino i fiori di zucca ma li avevo, durano poco e con le mazzancolle si sposano alla perfezione. Ho visto i noodles che stazionavano da un po’ in dispensa e adorandoli ho pensato ecco il pranzo.

Sempre in dispensa ho visto la salsa chili thailandese, acquistata diversi mesi fa e mi sono detta proviamo, a me sono piaciuti, la salsa ottima per nulla piccante come credono in tanti.

Sto cercando di godere appieno delle verdure estive che fra poco ci abbandoneranno e io e amo tanto, molto più di quelle invernali, melanzane, peperoni, pomodori, fagiolini, fiori di zucca, cetrioli, il basilico fresco mi mancheranno!

Mi mancheranno ma è vero che l’aria specie mattina e sera ormai è frizzantina, un golfino fa piacere e quindi viene naturale pensare a torte da colazione al cioccolato, le prime zuppe, un bell’arrosto e riporre la gelatiera, desiderare piatti caldi.

Voi come vivete questo periodo di transizione? Buona giornata.

 

noodles thailandesi conditi con mazzancolle fiori di zucca e salsa chili

Ingredienti:

per due persone

180 gr di noodles

una decina di fiori di zucca ( i miei erano grandi)

130 gr di mazzancolle

2 cucchiai di olio

2 cucchiai di salsa chili

sale pepe

1 Pulite le mazzancolle e i fiori di zucca precedentemente lavati.

2 In una padella mettete a scaldare l’olio poi unite i fiori e le mazzancolle, fate saltare per 3-4 minuti poi unite la salsa chili, mescolate, assaggiate e regolatevi secondo il vostro gusto, se metterne di più o cominciare mettendone meno. Cottura in tutto 10-15 minuti al massimo giusto il tempo di far amalgamare la salsa al resto.

3 Nel frattempo mettete a scaldare l’acqua, per i noodles seguite le istruzioni sulla confezione, i miei sono stati in acqua qualche minuto dopo l’ebollizione poi scolati e saltati nel condimento.

4 Regolate di sale e pepe e servite subito caldi.

 

Pesce

Burger di spada e zucchine

burger, pesce spada, pesce, zucchine, verdure, panino

Buon venerdì a tutti, penso che per tanti di voi sia il giorno più atteso dell’anno. Quello in cui si chiude casa, si tira fuori il costume, si prepara lo zaino, i panini per il viaggio, si chiude il gas e l’acqua e via per le tanto attese e agognate vacanze.

Ovunque andiate buone vacanze di sole, natura, buon cibo, relax, tanti libri, belle persone e divertimento.

Oggi idea buonissima e veloce come sempre, giusto il tempo di saltare le zucchine che volendo potete anche grigliare in forno o sulla piastra, le patate le mettete in forno e poi farcite il panino.

Niente salse, intingoli, solo pesce zucchine e sale al limone, tutto sommato light!

Il sole è alto dopo giorno così così corro a godermelo, buon week end!

 

burger, panino, spada, pesce spada, zucchine, verdure

Ingredienti:

due panini

3 zucchine

2 pezzi di pesce spada da circa 100 gr ognuno

olio evo

sale al limone

 

burger, pesce spada, pesce, panino, zucchine, verdure

 

1 Lavate e spuntate le zucchine, tagliatele a metà e poi a fette con una mandolina.

2 In una padella antiaderente scaldate due tre cucchiai di olio, aggiungete le zucchine e fate cuocere circa una decina di minuti, anche meno se sono sottili, scolate su un foglio di carta assorbente.

3 Nel mentre nella stessa padella cuocete il pesce spada, bastano pochi minuti.

4 Tagliate a metà i panini farciteli con fette di zucchine poi il pesce, regolate di sale, mettete altre zucchine, mangiate subito.

 

pesce, pesce spada, zucchine, verdure, panino, burger, piatto unico

 

Pesce

Involtini di gamberi marinati e verdure

involtini, antipasto, finger food, asia, dal mondo, verdure, pesce, gamberi, aperitivo

involtini, antipasto, finger food, asia, dal mondo, verdure, pesce, gamberi, aperitivo

La sfida di questo mese del gruppo Sei in cucina mi piace particolarmente, gli ingredienti son belli e si possono realizzare davvero tante tante ricette, il protagonista è il limone, un frutto che si usa tanto nei dolci come nel salato, per condire, marinare, come crema, marmellata, per aromatizzare e altro.

Io ho optato per una marinatura che preparo da secoli e mi piace molto, regala sapore, profumo ed è molto semplice.

Un piatto che profuma di Asia, di quel fritto tipico che si sente per le strade in India ma anche in altri paesi asiatici dove lo street food dilaga ed è abitudine consolidata di chi ci vive e dei turisti goderne, peraltro ricordo anche in Brasile bancarelle ovunque che sfornavo manicaretti che prendi e acquisti in loco ancora fumanti.

Indubbiamente una cucina che amo molto, non mi stanca mai e che spero di poter gustare dal vivo viaggiando in qualche paese asiatico…..sogni!

involtini, antipasto, finger food, aperitivo, verdure, gamberi, pesce, fritto, asia

Ingredienti:

230 gr di pasta phillo (ve ne serviranno 6 fogli sottili)

1 zucchina

150 gr di carote julienne

70 gr di germogli di soia

150 gr di gamberi

2 limoni

4 cucchiai di olio evo

3 cucchiai di salsa di soia

1 cucchiaio di miele

1 albume

olio per friggere

sale

involtini, gamberi, pesce, asia, dal mondo, verdure, julienne, fritto, finger food, antipasto

1 Preparate la marinata, in una ciotola mettete l’olio, il miele, la soia e il succo e scorza dei limoni, mescolate e assaggiate se vi piace, regolatevi secondo il vostro gusto se la preferite più dolce unite un altro po’ di miele, ecc…

2 Mettete a marinare i gamberi nella marinata per almeno mezzora.

3 Lavate la zucchina e tagliatela a julienne, unite le carote julienne e i germogli.

4 Scolate i gamberi dalla marinata e uniteli alle verdure, tritate il tutto finemente (anche nel mixer se preferite) se troppo asciutto unite 1-2 cucchiai di marinata.

5 Prendete la pasta phillo, dividete ogni foglio a metà, disponete al centro a forma di rettangolo il ripieno, ripiegate la pasta prima su stessa poi piegando i bordi verso il centro dell’involtino, sigillate con dell’albume aiutandovi con un pennello.

6 Terminate rapidamente tutti gli involtini e friggeteli subito in olio bollente, basteranno 5-6 minuti a involtino, a metà cottura girateli, regolate di sale se volete, servite caldi.

 involtini, antipasto, gamberi, finger food, asia, dal mondo, fritto, verdure, julienne, pesce

Con questa ricetta partecipo a Sei in cucina la sfida degli ingredienti

Pesce

Salmone in crosta di sesamo

salmone, pesce, contorno, sesamo, in crosta

Il salmone e/o trota salmonata sono un classico delle feste, un pesce molto semplice da cucinare, che si può mangiare anche crudo, ammesso che sia molto fresco e ne conosciate la provenienza, in questo caso light.
Cotto sulla griglia con semi di sesamo bianchi, quella nota che regala croccantezza, aggiungete sale, magari aromatizzato, soia se vi piacciono i sapori orientaleggianti ed è pronto.

Accanto un’ insalatina, valeriana con melograno e pistacchi, adoro l’abbinamento insalata/frutta fresca/secca, è bello cromaticamente e mi piace la nota croccante e poi si sa che in questo periodo il melograno vince sempre.

Mi fa sorridere che vi propongo il pesce ma se c’è un piatto che a casa mia a Natale manco morti il pesce, ai più non piace e poi non è tradizione, non che siamo dei carnivori ma il pesce proprio mai che io ricordi. Il must sono gli antipasti e i primi, ricchi, sostanziosi, ovviamente anche i dolci.

Qua a Milano settimana corta, cortissima, mercoledì è la festa del nostro patrono, i più martedì sera partono o comunque non vanno al lavoro fino a lunedì, mercatini, fiere, bancarelle a tema natalizio invadono la città creando il clima festaiolo e natalizio del mese. Anche io non so bene da dove vi scriverò il prossimo post, chi mi conosce e legge sempre può immaginare dove vorrei essere/andare.

Buona settimana.

salmone, pesce, in crosta, sesamo, contorno

Ingredienti:

200 gr di trota salmonata

2 cucchiai di sesamo

1 albume

olio evo

sale

salmone, pesce, in crosta, contorno

1 Scaldate bene la griglia o una padella antiaderente, nel mentre tagliate la trota a tranci.

2 spennellatela leggermente con l’albume, basta un velo non va impanata, aggiungete i semi di sesamo.

3 Cuocete per per 5-6 minuti, se usate la griglia regolatevi con i tempi indicati.

4 Disponete nei piatti, se volete togliete la pelle, se avete timore di rompere i tranci lasciatela, aggiungete sale e un filo d’olio, servite subito caldi.

salmone, pesce, contorno, sesamo, in crosta

Pesce

Burger di merluzzo

hamburger, merluzzo, pesce, patate, fritto, pesto, panini

A chi non piacciono? Di carne, pesce, legumi, verdure, trovo siano sempre ottimi, versatili, allegri, ci si può sbizzarrire a inventare abbinamenti, salse, creme per insaporirli.

Proprio questo è successo settimana scorso presso l’ Agriturismo Le Piagge a Ponzone nel Monferrato, sette blogger hanno cucinato e reinventato gli hamburger di pesce M-ittico, quattro sfide con quattro burger diversi: merluzzo, tonno, salmone e branzino.

unnamed

Molto carino e divertente notare la fantasia e l’inventiva con cui tutte noi abbiamo proposto i nostri quattro burger, non pensate che un burger possa o debba essere solo presentato nel piatto con le verdure o nel panino, infinite sono le combinazioni che potete creare.

Sono stati sottoposti di fronte alla giuria burger in veste di ripieno dei ravioli, in formato sandwich farciti con zucchine e tapenade di pomodori secchi e olive, accompagnati con la polenta, tipo millefoglie alternati con mele e cipolle caramellate e tante altre proposte.

Stiamo parlando di burger surgelati che trovate in diverse catene della grande distribuzione, comodi da cucinare anche all’ultimo minuto, solo sette minuti ed è pronto, niente lische, niente additivi aggiunti, gusti eccellenti e costo davvero appetibile.

Altro aspetto importante, M-ittico si impegna per il rispetto del mare e dei consumatori, nella riduzione dell’inquinamento e nel favorire uno sviluppo etico, ecologico e sostenibile.

La sfida fra blogger si è svolta in uno splendido agriturismo immerso nelle verdi colline del Monferrato, terra unica e splendida, gioiello Unesco, l’Agriturismo Le Piagge merita una visita, ancora meglio un soggiorno, Stefania e il suo staff sono molto accoglienti, alla mano, ti mettono subito a tuo agio in un ambiente curato, accogliente, caloroso.

Non tutti gli chef avrebbero messo a disposizione di sette blogger la propria cucina!

Andate e godetevi la vista spettacolare, la pace e il silenzio che solo la natura sa regalare, godetevi la veranda vista colline e piscina nei mesi estivi, il caminetto che scalda le sale piccole e raccolte, le camere -quando mai mi ricapiterà di dormire in un letto a baldacchino-. Sul sito troverete le attività che vi si possono svolgere, mountain bike, fattoria didattica e quant’altro.

Oggi vi propongo la mia ricetta per la sfida riguardante i bambini, ho giocato facile e sul sicuro, merluzzo fritto, pesto e chips di patatine, niente gusti particolari, abbinamenti ricercati, i bambini solitamente vanno dritti al punto e con il fritto non si sbaglia mai.

hamburger, merluzzo, pesce, patate, fritto, pesto, panini

Ringrazio le mie compagne d’avventura, Laura, Camilla, Adele, Anastasia, Valentina e Barbara, l’impeccabile organizzazione di Vittoria, le sue colleghe Laura e Barbara, Stefania e Antonio dell’Agriturismo, a tutti grazie per la compagnia, le chiacchiere, la splendida cornice in cui siamo state accolte.

hamburger, merluzzo, pesce, panino, patate, fritto, pesto

 

Ingredienti:

1 panino per hamburger (va bene qualsiasi panino)

1 Burger M-ittico al merluzzo

1 uovo

50 gr di pangrattato

2 patate

2 cucchiaini di pesto

sale

olio per friggere

pesce, hamburger, panini, merluzzo, patate, pesto, fritto

1 Sbucciate e lavate le patate, tagliate a fette sottili, versate l’olio per friggere, siate generosi, in una padella antiaderente, aspettate che si scaldi e friggete le patate.

2 In  un piatto sbattete l’uovo, in un altro versate il pangrattato, immergete il burger prima nell’uovo poi nel pangrattato, ripetete lo stesso passaggio due volte, friggetelo in un padellino con dell’olio (3-4 cucchiai).

3 Scolate sia le patate che il burger su un foglio di carta assorbente, regolate di sale.

4 Componete il panino, tagliatelo a metà spalmate un cucchiaino di pesto, mettete tre quattro patate poi il burger, un altro strato di pesto e qualche patate, chiudete e servite.

dsc06275

 

dsc06279

 

dsc06276

 

dsc06295

 

dsc06303

Patate/ Pesce

Filetti di sgombro con patate al forno

pesce, sgombro, secondi piatti, patate

Evviva la semplicità! Spesso noi foodblogger (anche io se fatico a ritrovarmi in questo termine) e appassionati di cucina cerchiamo la ricetta originale, l’abbinamento inconsueto, quel mix dolce e salato, andiamo alla ricerca di ingredienti particolari, torniamo da un viaggio o una gita fuori porta con il mix di spezie, l’infuso, la farina, il biscotto artigianale.

A volte leggete termini come la farina di canapa sativa, incordare l’impasto, la farina di chufa, e tanti altri e vi dite -ma di che parlano?-. Ecco, ammetto che spesso pure io non so di che si sta parlando, magari si passa per snob, ricercati, per intenditori ma è solo passione, voglia di scoprire, sperimentare, creare nuovi sapori.

Detto ciò, ma quanto sono buoni i piatti semplici, caserecci? I migliori, si sperimenta, si inventa, si assaggia di tutto, si viaggia nelle cucine di tanti paesi ma -almeno per me- il meglio restano i piatti rapidi, gustosi, profumati, senza troppi fronzoli.

Questa una ricetta dove l’unico sforzo consiste nel sbucciare e tagliare le patate, fine, dopo ci pensa il forno, come dico sempre ai miei amici non pensate che a casa mia ogni pasto preveda piatti elaborati, con lunghe preparazioni, numerosi passaggi, non mangio tutti i giorni torte a quattro strati con tre creme diverse e decorazioni, ne’ la pasta fresca o il pane con 48 ore di lievitazione.

Il vero lusso è la semplicità!

pesce, sgombro, secondi piatti, patate

Ingredienti:

3 filetti di sgombro fresco (circa 200 gr)

2 patate medie

olio evo

rosmarino

sale

pesce, sgombro, patate, secondi piatti

1 Sbucciate la patate, tagliatele a pezzetti, lavatele, scolatele e mettete in una pirofila, aggiungete il sale, l’olio, il rosmarino, infornate a 200 gradi per 25 minuti, forno già caldo.

2 Trascorsi i 25 minuti aggiungete i filetti di sgombro, date una mescolata alle patate, infornate per altri 20 minuti. Sfornate e mangiate subito.

pesce, sgombro, patate, secondi piatti

Pesce

Burger di trota

trota, pesce, panino, burger, patatine, val camonica

trota, pesce, burger, panino, patatine, val camonica

Il mio amore per la montagna credo sia noto a chi passa di qua spesso o mi conosce di persona, in particolare la Valle Camonica.

Una ricetta omaggio, diciamo così, realizzata con i prodotti del luogo, dal pane tipico e buonissimo alle trote, dalle patate alla birra. Le trote che vi assicuro non ha nulla a che vedere con quelle del supermercato, queste si pescano qua, hanno un sapore completamente diverso e son belle carnose.

L’hanno scorso mi son cimentata anche io nella pesca, o meglio diciamo che ho appreso le nozioni base su come preparare l’amo, l’esca, lanciare il filo in acqua, i “pescatori” veri erano altri ma quel giorno non abboccarono trote, pescare a 2000 m e passa con la cornice delle montagne che si riflette nell’acqua….meraviglia!

Fra poco si torna a Milano con mio grande entusiasmo……ho voluto preparare questa ricetta per festeggiare il fine estate e godere ancora qualche giorno di prodotti sani e genuini non del supermercato.

trota, pesce, panino, burger, patatine, val camonica

Ingredienti:

200 gr di trota

1 albume

pangrattato

farina di mais

due panini di segale

2 patate medie

pomodorini e insalata

maionese

sale

olio per friggere

burge, trota, apesce, panino, patatine, val camonica

1 Cuocete la trota alla griglia o ai ferri senza nulla. Lasciate intiepidire e pulite ricavando la polpa.

2 Mettetela in un piatto aggiungete l’albume, il sale e il pangrattato poco alla volta fino a raggiungere una consistenza morbida ma compatta (provate a fare una polpetta se non sta insieme aggiungete pane).

3 Mettete in una padella a scaldare due cucchiai di olio, mentre si scalda impanate la trota dandola la forma due burger e passatela nella farina di mais, fate una bella panatura.

4 Friggetele facendo attenzione a non girarle fino a che non si sarà formata una bella crosticina, cuocete in tutto cinque/sei minuti.

5 Preparate la patatine fritte nel modo classico, mentre si cuociono (almeno 15 minuti) lavate quattro/cinque ciliegini, asciugateli e tagliateli a fette, prendete qualche foglia di insalata, tagliate il pane di segale in due.

6 Assemblate i vostri burger disponendo come preferite le verdure, la maionese e il burger di trota, scolate le patatine su un foglio di carta assorbente, regolate di sale, e servite.

Io con birra del birrificio Balanders di Valle Camonica.

trota, pesce, panino, pane di segale, patatine, val camonica

Pesce

Sardine fritte

frittura, sardine, pesce, antipasto, finger food

frittura, sardine, pesce, antipasto, finger food

Dopo un’insalata -ricca, ammetto- un bel frittino non fa male.

Anche questa  direi che è una non  ricetta, basta impanarle, friggere e son pronte, procedimento minimo che potete variare a piacere, con sola farina, con doppia panatura (farina, uova, farina), con pangrattato, magari con erbe aromatiche.

Folle che abbia trovato le sardine in montagna quando fatico a trovarle a Milano!

Ideali come aperitivo, antipasto o come secondo, in ogni caso finiscono subito.

Buon week end.

sardine, pesce, fritto, finger food, antipasto

Ingredienti:

400 gr di sardine pulite

farina di mais

1 uovo e 1 tuorlo

sale

limone

frittura, sardine, pesce, antipasto, finger food

1 Preparatevi due piatti uno con la farina di mais e l’altro con l’uovo e il tuorlo leggermente sbattuti.

2 Prendete le sardine tre quattro alla volta immergetele nell’uovo da ambo i lati, scrollate via l’uovo in eccesso e passatele nella farina, procedete ugualmente con tutte le sardine.

3 Scaldate una padella antiaderente con abbondante olio, dopo qualche minuto quando sarà ben caldo immergete le sardine, sono sufficienti tre quattro minuti, scolatele su un foglio di carta assorbente, regolate di sale e servite subito con il limone.

sardine, pesce, fritto, antipasto, finger food

Patate/ Pesce

Salmone con patate e crema all’aneto

salmone, pesce, secondo, dal mondo, aneto, crema, formaggio, patate

salmone, pesce, formaggio, crema, aneto, patate, secondo, dal mondo

Un piatto di pesce per le feste perfetto! Light, cotto alla griglia con appena un filo d’olio, rapidissimo da preparare, in sostanza dovete solo tagliare le patate, economico, vero il salmone un pochino costa ma parliamo di una cifra abbordabile e contenuta rispetto ad altri pesci e il restante degli ingredienti ha costi irrisori.

Profumato, se conoscete l’aneto immaginate il profumo, le patate tagliate sottili son rapide da cuocere al contrario di quelle al forno che necessitano tempo, certo non son la stessa cosa ma vi assicuro che anche preparate così son ottime.

Se dovete grigliare in forno i tempi aumentano un pochino ma parliamo comunque di poco tempo trattandosi di pezzi piccoli.

Un piatto che profuma di nord Europa dove la crema di formaggio e aneto è un classico con il pesce, ricordo in Svezia enormi portate di aringhe con questa crema, sapori decisi che non a tutti piacciono e che dopo un po’ stancano, decidete voi se aggiungere altre creme o modificare questa, per esempio potreste togliere l’aglio che aggiunge carattere e non tutti lo digeriscono e apprezzano crudo, io lo adoro.

Il menù delle feste piano piano si sta componendo, ormai avrete in mente cosa preparare mancano dieci giorni e organizzarsi per tempo è fondamentale soprattutto per chi ha un esercito di amici e parenti da sfamare, per chi lavora fino all’ultimo minuto, per chi deve servire numerose portate e diciamolo anche per chi non è abilissimo ai fornelli.

Buona settimana.

salmone, aneto, pesce, formaggio, patate, secondo, dal mondo

 

Ingredienti:

per due persone

due tranci di salmone

3-4 patate

olio d’oliva

60 gr di formaggio spalmabile

mezzo spicchio d’aglio

aneto

salmone, pesce, patate, secondo, aneto, crema di formaggio, dal mondo

1 Sbucciate, lavate e tagliate e fettine sottili le patate.

2 Grigliatele con un filo d’olio per una decina di minuti.

3 Grigliate il pesce per 7-8 minuti.

4 Preparate la crema mescolando insieme il formaggio (meglio se a temperatura ambiente, lo spicchio d’aglio tritato e l’aneto lavato, asciugato e ridotto a foglioline.

5 Componete il piatto come preferite accompagnando con la crema di aneto.

salmone, pesce, patate, aneto, crema di formaggio, dal mondo

salmone, pesce, secondo, dal mondo, aneto, crema, formaggio, patate

Pesce

Polpette di sgombro con salsa romesco

polpette, sgombro, pesce, salsa romesco, peperoni, spagna

salsa romesco, sgombro, polpette, pesce, finger food, peperoni

Erano secoli che volevo cimentarmi nella preparazione della salsa Romesco, salsa tipica spagnola, per la precisione della Catalogna, assaggiata alcune volte mi è sempre piaciuta, ho voluto replicarla seguendo la ricetta che ho trovato sul numero di Sale&Pepe del mese scorso, le varianti sono infinite come spesso accade con i piatti popolari e della tradizioni, ho seguito quella della rivista per praticità.

Ultimo giorno d’agosto, a brevissimo torno a casa dopo due mesi di montagna, che dire? due mesi di vacanza lontana da Milano, mai fatti, due mesi di tanto ma tanto sole e guardandomi direi che si vede; giornate brutte forse sette otto quindi un’estate pazzesca! Ho macinato chilometri per le montagne, costeggiato dighe enormi e più piccole, torrenti, ruscelli, ho spesso avuto a farmi compagnia i campanacci delle mucche, mi sono inerpicata su sassi, grandi gradoni, percorso mulattiere sotto il sole cocente e tratti nel bosco, camminato in stretti sentieri e in mezzo ai prati.

Ammirato panorami mozzafiato, tramonti unici, albe timide e silenziose, ho osservato l’intensità del sole variare durante le ore della giornata ma anche dai primi di luglio fino a fine agosto; sono arrivata che diventava buio alle 21.40, ieri sera alle 20.25 era già buio; ho visto l’erba secca secca in luglio rinvigorirsi con qualche pioggia in agosto fino a diventare verde splendente; ho visto l’estate in festa e in questi ultimi giorni i colori mutare, leggere sfumature di giallo, rosso, arancione cominciando a farsi avanti.

Ho gustato polenta, gnocchi, pizzoccheri, taglieri di salumi e formaggi, torte della nonna; bevuto litri e litri d’acqua, sperimentato il caldo torrido anche in montagna, dormito senza coperta e camminato a mezzanotte senza calze (non credo accadesse dal 2003); i miei capelli da completamente scuri oggi hanno qualche sfumatura biondastra, non ho mai mangiato un gelato, messo una gonna e ovviamente non ho fatto il bagno in mare ma solo immerso i piedi nei laghetti di montagna.

Ho imparato i rudimenti della pasca di trote, preparato liquori per l’inverno, studiato carte geografiche, altezze, percorsi, sentieri, malghe; scoperto birre artigianali e prodotti tipici, messo a dura prova la macchina per strade impervie, dormito a oltre 2000 m con le braccia fuori dalle coperte (impensabile in estati normali), ho sudato, faticato, arrancato lungo il sentiero ma alla fine son sempre arrivata.

Un’estate unica, diversa da tutte le altre, probabilmente irripetibile, non sempre facile ma in un posto splendido!

spagna, peperoni, polpette, pesce, sgombro, finger food

 

Ingredienti:

per circa 14 polpette (la quantità varia a seconda della grandezza delle polpette)

200 gr di sgombro sott’olio

250 gr di pane raffermo

1 uovo

50 gr di parmigiano grattugiato

sale

pepe

mezza cipolla rossa piccola

pangrattato

olio d’oliva

per la salsa:

80 gr di mandorle

2 peperoni dolci secchi

4 peperoni piquillo

1 spicchio d’aglio

3 fette di pane

1/2 cucchiaio di succo di limone

1 cucchiaio di aceto di sherry

1 cucchiaio di aceto di vino rosso

1,5 dl di olio d’oliva

zucchero

sale

 

polpette, sgombro, pesce, salsa romesco, peperoni, spagna

1 Preparate le polpette: mettete il pane in ammollo in una ciotola con dell’acqua, sgocciolate bene lo sgombro, strizzate bene il pane, unitelo allo sgombro.

2 Sbucciate e tagliate la cipolla finemente, fatela saltare per qualche minuto in una padella antiaderente con un paio di cucchiaio di olio d’oliva, lasciate intiepidire poi aggiungetela al composto, unite l’uovo, il parmigiano, sale e pepe e cominciate a formare le polpette, se il composto è umido aiutatevi aggiungendo del pangrattato.

3 Accendete il forno a 180 gradi, coprite una teglia con della carta forno, disponete le polpette, irroratele con un filo d’olio, cuocete per circa 20 minuti.

4 Preparate la salsa: tostate le mandorle poi tritatele abbastanza finemente; mettete a bollire i peperoni in circa 2 dl di acqua, cuoceteli per 5 minuti poi fateli raffreddare sempre in acqua.

5 Bagnate le fette di pane con l’acqua di cottura dei peperoni, mettetele nel mixer con i peperoni, l’aglio, sale, un cucchiaino scarso di zucchero, ottenete un composto omogeneo.

6 Unite mentre il mixer sta andando l’olio, il succo di limone, l’aceto di sherry e l’aceto di vino. Mettete la salsa in una ciotola e unite le mandorle. Servite insieme alle polpette calde o fredde.

pesce, sgombro, polpette, finger food, peperoni, salsa romesco

CONSIGLIA Torta di mais