Browsing Category

Lievitati

Lievitati

Taralli pepe e sugna

taralli pepe e sugna

Una ricetta che volevo provare da secoli, per me sono divini, una di quelle droghe per cui uno tira l’altro e potresti mangiarne a decine, magari non dei miei che sono enormi.

La prossima volta provo a farli più piccoli, come prima volta mi sono voluta attenere rigidamente alla ricetta per non sbagliare ma effettivamente sono troppo grandi, ci si sente più in colpa a mangiarne tanti….

Un classicone che se amate taralli, grissini, lievitati, pepe e sapore non potete non provare, non ricordo dove li ho assaggiati la prima volta ma ricordo che erano ottimi e dopo li ho sempre mangiati con gusto.

Ammetto che i miei sono buoni ma non sono del tutto soddisfatta, grandezza a parte devo perfezionare la ricetta, sicuramente devo aggiungere pepe.

Ricetta di Simona del blog Tavolartegusto, una grande cuoca, le sue ricette sono infallibili.

 

taralli con pepe e strutto

 

 

Ingredienti:

500 gr di farina 00

180 ml di acqua

150 gr di mandorle + 30 mandorle intere

200 gr di strutto a temperatura ambiente

10 gr di lievito di birra

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di miele

sale

3/4 cucchiaini di pepe

 

taralli napoletani con pepe e sugna

 

1 Preparate un lievito, sciogliete il lievito in 80 ml di acqua tiepida, unite 100 gr di farina (dei 500) e lo zucchero, mescolate con una forchetta fino a ottenere una specie di pastella, coprite con la pellicola e lasciate lievitare un’oretta.

2 Accendete il fuoco a 200 gradi, tostate 150 gr di mandorle per 5-8 minuti, lasciate raffreddare.

3 In una ciotola riunite la farina, lo strutto, le mandorle tritate finemente, il miele, il sale, il pepe e i 100 ml di acqua, impastate fino a ottenere un composto omogeneo, controllate bene che lo strutto sia ben amalgamato.

4 Formate i taralli prendendo due pezzi di composto da 50 gr l’uno, formate dei cilindri lunghi 20 cm, unite le due estremità e intrecciate la pasta chiudendo i lembi nella parte inferiore del tarallo, proseguite ugualmente fino al termine della pasta.

5 Bagnate le mandorle in modo tale che aderiscano bene, disponete tre su ogni tarallo, nei punti in cui c’è la piega, fatele incastonare bene pigiando un pochino, lasciare lievitare due/tre ore.

6 Infornate in forno caldo a 180 gradi per circa 45/50 minuti.

 

taralli napoletani con pepe e strutto

 

 

 

DOLCI/ Lievitati

Pane alla zucca

pane alla zucca con semi di zucca

La zucca, la regina del momento, versatile, buona nel dolce e nel salato, dalla forma splendida, dalle sfumature infinite, legata ad Halloween ma anche alla campagna, esteticamente perfetta che si tratti di quella tonda, di quelle lunghe, di quelle ovali.

Qua trovate tante ricette, sia dolci che salate, oggi sperimento un pane che ho visto da Marianna del blog Quanta Basta, subito ho pensato di provarlo ed eccolo qua, che dire? per me perfetto, non troppo dolce quindi perfetto anche con il salato, buono da solo o con marmellata, cioccolato o una fetta di prosciutto ma soprattutto bello soffice.

La preparazione non è veloce, nel senso che ci vogliono molte ore di lievitazione ma organizzandosi questo pane vi salva la vita, si conserva per giorni (se ci arriva….), lo tagliate a fette e ve lo portate a scuola, al lavoro, lo farcite tipo sandwich per il pranzo, lo tostate e ci spalmate qualche crema o salsa o anche delle verdure, lo congelate a fette e lo utilizzate all’occorrenza.

La ricetta è la stessa identica di Marianna, l’unica differenza è che non ho il Bimby per cui ho usato un’altra impastatrice, copio e incollo la sua essendo proprio identica (voglia di lavorar saltami addosso….).

pane alla zucca e semi

 

Ingredienti:

 

plumcake alla zucca

  1. Iniziate tagliando la zucca a cubetti tutti uguali. Cuocetela a vapore per circa 20 minuti, o fino a quando non sarà ben cotta. Schiacciatela poi con una forchetta, fino ad ottenere una purea, e lasciatela raffreddare.
  2. Unite le farine, lo zucchero, il sale, l’uovo, il latte, la purea di zucca, il lievito ed il latte in una ciotola capiente ed iniziate ad impastare per 5 minuti abbondanti. Io ho utilizzato il bimby ed ho impastato per 3 minuti a velocità spiga.
  3. A questo punto incorporate il burro un po’ alla volta, continuando ad impastare. Fino a quando l’impasto non avrà incorporato tutto il burro. Il risultato sarà un’impasto molto appiccicoso.
  4. Coprite la ciotola con della pellicola trasparente e fate lievitare in frigo per tutta la notte. In alternativa lasciate l’impasto a temperatura ambiente fino al raddoppio del volume.
  5. Se avete fatto lievitare l’impasto in frigo, tiratelo fuori per una quindicina di minuti. Ora lavoratelo leggermente e versatelo in un tegame da plumcake rivestito da carta forno bagnata, strizzata e leggermente oleata.
  6. Coprite con la pellicola e lasciate lievitare per un’oretta in forno con la luce accesa.
  7. Una volta effettuata la seconda lievitazione, spennellate con latte e cospargete con semi di zucca. Infornate a 180° per circa 30 minuti, o fino a quando la suerficie non sarà ben dorata.
Lievitati

Plumcake al pesto e fagiolini

pesto, plumcake, verdure, fagiolini, lievitati, pinoli, aperitivo

Pesto e fagiolini, siamo ancora in pieno mood estivo nonostante il week end facesse presagire un autunno anticipato, le temperature sono scese ma le giornate sono belle assolate e calde il giusto, godiamoci ancora frutta e verdura estiva che tanto amo e mi mancheranno.

Una ricetta di una semplicità unica che potete preparare come preferite, si presta a infinite varianti, metteteci il pezzetto di pancetta che staziona in frigorifero da un po’ o delle noci, al posto del latte va bene anche della panna o formaggi tipo la robiola, il caprino, olive, erbe aromatiche, spezie, parmigiano, davvero potete spaziare.

Ho già tessuto tante volte le lodi del plumcake dolce e salato, vi risparmio una replica, mi limito a dire che a questa stagione è buono anche tiepido, sformato una mezzora prima, ideale per gli ultimi pic nic, grigliate, gita fuori porta, magari anche in spiaggia o lunedì per chi ha figli che tornano sui banchi di scuola come merenda.

Buona giornata!

 

plumcake, fagiolini, verdure, pesto, pinoli, lievitati

 

Ingredienti:

180 gr di farina

3 uova

10 cl di olio evo

10 cl di latte

2 cucchiai di pesto

1 bustina di lievito

100 gr di fagiolini

1 cucchiaio di pinoli

sale e pepe

 

plumcake, fagiolini, verdure, pesto, pinoli, lievitati

 

1 Lessate i fagiolini al vapore o in pentola a pressione, lasciate intiepidire.

2 In una ciotola riunite la farina, il lievito, sale, pepe, mescolate.

3 Unite il latte, l’olio e le uova, amalgamate.

4 Unite i fagiolini spezzettati grossolanamente, il pesto e i pinoli, amalgamate.

5 Accendete il forno a 180 gradi, imburrate uno stampo da plumcake, (il mio era di carta), versate il composto e infornate per 50 minuti, sfornate e lasciate intiepidire prima di estrarlo dallo stampo.

 

 

DOLCI/ Lievitati

Focaccia alle pesche e rosmarino

focaccia, lievitati, pesche, frutta, rosmarino, erbe

focaccia, lievitati, pesche, frutta, erbe, rosmarino

Innamorarsi di una ricetta? Si, si può! Innamorata non mi capita spesso, magari entusiasta, curiosa, soddisfatta, felicemente colpita, ampiamente ripagata, questo si ma innamorata capita poche volte, si contano sulle dita di una mano.

Di questa focaccia me ne sono innamorata subito appena l’ho vista sul libro Fragole a merenda di Sabrine D’Aubergine, immediatamente ho deciso di replicarla apportando alcune modifiche, ho avuto la conferma che il mio innamoramento era reale, concreto, giustificato.

Croccante e morbida, dolce e salata, soffice e umida, per me questo genere di dolci da colazione, merenda, da sempre sono fantastici, non troppo dolci, non troppo elaborati, farciti, glassati, decorati, guarniti, certo mi piacciono anche quelli ma per me  i dolci “secchi” son meglio dei cremosi.

Provate con le pesche ma anche con fragole, albicocche, ciliegie, frutti di bosco, con o senza miele, con diverse farine, frutta secca, magari con lo yogurt, con gocce di cioccolato, con altre erbe aromatiche, insomma divertitevi perchè le varianti possono essere tante, sempre diverse.

Buona settimana!

focaccia, pesche, rosmarino, erbe, lievitati, frutta

Ingredienti:

500 gr di farina 00 bio

1 pizzico di sale

12 gr di lievito di birra fresco

350 ml di acqua

25 gr di burro

4 cucchiai di miele

4 pesche mature

50 gr di burro

zucchero

rosmarino

focaccia, lievitati, pesche, frutta, erbe, rosmarino

1 In una ciotola ampia raccogliere la farina, il lievito sbriciolato, il pizzico di sale.

2 Scaldate l’acqua con il burro e il miele fino a che non saranno sciolti poi lasciate intiepidire.

3 Cominciate a impastare unendo poco alla volta l’acqua, proseguite fino a che avrete ottenuto una pasta compatta e omogenea (non è detto che vi serva tutta l’acqua).

4 Trasferite su un piano di lavoro e lavorate per una decina di minuti, dopo rimettete nella ciotola coprite e lasciate lievitare due tre ore, deve almeno raddoppiare il volume.

5 Ungete una teglia da forno e stendetevi la pasta uniformemente, lasciate lievitare ancora una mezzora, nel mentre lavate e tagliate le pesche a fettine.

6 Accendete il forno a 220 gradi, distribuite in file le pesche, aggiungete qua e là i rametti di rosmarino e fiocchi di burro, infornate per circa 25-30 minuti, deve risultare ben dorata, sfornate.

focaccia, lievitati, pesche, frutta, rosmarino, erbe

 

Lievitati

Focaccia con peperoni e acciughe

Diciamo non alta ma neanche bassa, non sono un’esperta e ogni volta viene fuori una focaccia o pizza diversa, a me piacciono entrambe le versioni, alta morbidosa, bassa unta e croccante, semplice, farcita, mi accontento facilmente.

Sto cercando di terminare un tot di farine essendo arrivato il caldo, oggi meno degli altri giorni a dire il vero, c’è una bella arietta ma comunque nei mesi estivi vuoi che le farfalline vengono a farmi visita spesso, vuoi che accendere il forno in casa mia è un’esperienza che mette a dura prova, mangio preferibilmente piatti freddi, freschi, senza lunghe cotture.

Certo ogni tanto a una torta al cioccolato o altro non rinuncio!

Oggi son di poche parole, ho dormito ma è come se necessitassi ancora di altre ore di riposo, vi auguro un buon giovedì e dai che siamo a un passo dal week end!

Ingredienti:

400 gr di farina 00 bio

9 gr di lievito di birra

acqua q.b.

sale

olio evo

2 peperoni

4-5 filetti di acciughe

erba cipollina

1 Preparate l’impasto disponendo la farina in una ciotola capiente o direttamente su un piano da lavoro, spezzettate direttamente il lievito sulla farina, unite due cucchiai di olio, acqua poco alla volta cominciando a impastare, proseguite fino a ottenere una pasta compatta, nel mentre salate.

2 Lavorate la pasta una decina di minuti perchè risulti liscia, compatta, omogenea, coprite e fate livitare, io circa 4 ore.

3 Lavate e pulite i peperoni, accendete il forno a 220 gradi, disponeteli su una teglia coperta da carta forno, apriteli a metà e fateli grigliare per circa 30 minuti, lasciate intiepidire e spellate.

4 Ungete una teglia da forno, disponete la pasta lievitata direttamente con le mani, formate tanti buchini con i polpastrelli, create una salamoia con un po’ di acqua olio sale e grosso, basta un cm di acqua, spennellate la pasta e infornate a 200 gradi per 15 minuti, ripetete l’operazione dopo dieci minuti ungendola bene.

5 Nel mentre tagliate a pezzetti i peperoni, se volete anche le acciughe se no mettetele intere.

6 Aprite il forno e aggiungete velocemente a piacere i peperoni e le acciughe, lasciate cuocere altri 10 minuti, sfornate e decorate con l’erba cipollina tritata, servite subito.

Lievitati

Panino di segale con cicoria uova e acciughe

panino, uova, cicoria, acciughe, verdure, maionese

panino, uova, cicoria, verdure, acciughe, pesce

E’ cominciata ufficialmente la stagione dei pic nic, delle gite fuori porta, dei pranzi in spiaggia o anche semplicemente in balcone per chi non si può spostare dalla città. Abbiamo tutto per regalarci panini gourmet, dai salumi alle verdure, dalle uova alle salse passando per i formaggi, i legumi, pesce e carne.

Il mio panino di oggi è proprio semplice semplice, pochissimi sforzi, giusto la cottura delle uova, con la cicoria di stagione che personalmente in questa veste mangio senza problemi da sola trovo sia decisamente amara, per me pane di segale perchè ero in montagna dove trionfa questo pane ma ognuno opti per il suo preferito.

Bisogna godersi questi mesi aprile, maggio, magari giugno perchè poi diventa troppo caldo, spesso stare fuori a ora di pranzo diventa complicato, la calura ti uccide mentre i prossimi due mesi sono ideali per stendere una coperta, preparare una bella borsa frigo con succhi, birra fresca, magari un prosecco, un piccolo kit di stoviglie e poi chi più ne ha più ne metta.

Insalate di pasta, frittatine, torte salate, tramezzini, spiedini, cereali, muffin, grissini, salumi, formaggi, taralli, focacce, e mille altre cose senza scordare frutta e dolce.

Buona settimana!

panino, uova, cicoria, verdure, acciughe, pesce, maionese

Ingredienti:

4 panini di segale

4 uova

8 filetti di acciughe

cicoria q.b.

maionese

panino, uova, cicoria, acciughe, maionese, verdure

1 Lessate le uova fatele raffreddare, sgusciatele e tagliate a rondelle.

2 Tagliate il panino a metà, spalmatelo con un cucchiaino di maionese, mettete due tre fogli di cicoria poi due tre fette di uova e due filetti di acciughe, se volete mettete altre due fette di cicoria, chiudete, premete leggermente e proseguite nello stesso modo per gli altri panini.

panino, uova, cicoria, acciughe, pesce, verdure, maionese

panino, uova, cicoria, acciughe, verdure, maionese

 

Lievitati

Crackers al rosmarino

cracker, lievitati, grano duro, rosmarino, erbe

Io e i lievitati non siamo mai stati molto amici, cioè a ingurgitarli son bravissima e siamo amicissimi ma a prepararli….

Me la cavo, le nozioni base più o meno le mastico o quanto meno non brancolo nel buio ma sicuramente non sono un’esperta ne’ un’appassionata, forse perchè mangio poco pane, se in tavola manca non muoio, magari manco me ne accorgo.

Il vero vizio sono grissini, taralli, sfogliatine, ringrazio di non essere abile a preparare queste prelibatezze perchè sarebbe la fine.

Oggi vi propongo una ricetta a prova di chiunque, non deve lievitare, si prepara in dieci minuti, costo zero, cottura 15 minuti, insomma i crackers ideali, anche da fare all’ultimo se non avete pane o avete amici in arrivo.

Buoni da soli ma anche con patè, creme, burro e acciughe, hummus, io li ho mangiati con delle cipolle caramellate da urlo regalo di un’amica blogger.

Vi auguro un felice week end, io sarò in montagna nonostante non sia previsto bel tempo!

cracker, lievitati, grano duro, rosmarino, erbe

Ingredienti:

220 gr di farina di grano duro

70 ml di acqua tiepida

4 cucchiai di olio evo

5-6 gr di lievito di birra (o istantaneo)

1 cucchiaio di rosmarino tritato

sale

cracker, lievitati, grano duro, rosmarino, erbe

1 Versate la farina in una ciotola o su un piano da lavoro, create la fontana al centro, unite l’acqua, l’olio, il rosmarino, il lievito e il sale, lavorate fino a formare una pasta omogenea e compatta.

2 Stendetela fra due fogli di carta forno, se riuscite datele forma rettangolare, tagliate a rettangoli o come preferite.

3 Accendete il forno a 200, mentre si scalda, coprite una teglia con la carta forno, distribuite separati i crackers, bucherellate con la forchetta e spolverate di sale grosso (facoltativo), infornate per circa 13-14 minuti, devono risultare dorati. Si conservano per diversi giorni.

Lievitati

Danubio con mozzarella e pomodori secchi

lievitati, pane, finger food, mozzarella, pomodori secchi, semi di sesamo

lievitati, pane, finger food, mozzarella, pomodori secchi, semi di sesamo

Volevo preparare il Danubio da almeno cinque anni, ogni volta lo vedevo su altri blog e pensavo -ora la faccio-, considerando che più o meno lo dico per altre tremila ricette ecco che solo ora ve lo mostro.

Complice il consueto appuntamento con lo scambio di ricette con altre blogger, appena l’ho visto sul blog di Francesca Il dolce in tavola, ho deciso di replicarlo, ho solo variato il ripieno con quello che avevo in casa.

A me è piaciuto moltissimo, intanto esteticamente, non volevo tagliarlo da quanto era bello, l’ho rimirato per parecchio tempo pensando -che bello, mi è venuto benissimo-, chi si loda si imbroda e di solito son piuttosto critica ma ogni tanto mi prendo qualche merito, il mio Danubio mi piace molto.

Inoltre è ottimo, è il classico tipo di preparazione che potrei mangiare anche tutti i giorni, soffice, morbido, delicato, si conserva bene, prossima volta al cioccolato.

Passate da Francesca, troverete tante altre ricettine niente male e tante foto con una splendida luce. Buona giornata.

Riporto la ricetta di Francesca copiandola perchè non ho cambiato nulla se non il ripieno.

danubio, pomodori secchi, antipasto, mozzarella, lievitati, pane, semi di sesamo

Ingredienti
500 g. di farina manitoba
100 g. di burro
150 g. di latte
2 uova
10  g. di lievito di birra fresco
30 g. di zucchero
10 g di sale
 farcitura :
2 nodini di mozzarella
78 pomodori secchi
decorazione :
1 uovo
un po di latte
semi di sesamo
danubio, semi di sesamo, mozzarella, lievitati, pomodori secchi, finger food, antipasto

In una ciotola mettete la farina, lo zucchero, il sale, il burro ammorbidito, il latte in cui avete sciolto il lievito, le uova sbattute e impastate il tutto energicamente, fino ad ottenere un impasto omogeneo, coprite con della pellicola e fate lievitare fino a  quando l’impasto non triplica.
Tagliate la mozzarella (ben scolata) e i pomodori secchi a pezzetti. Riprendete l’impasto formando delle palline, io ne ho formate 7 grandi ( 120 g. circa ), ma potete anche ricavarne tante piccole di 40 gr ciascuna. Schiacciate le palline  e riponete al centro la farcitura , richiudete e riformate le sfere , sistematele in una teglia da 28 cm rivestita con della carta da forno e ricoprite con la pellicola , fate lievitare per altre 2 ore . Spennellate con l’uovo battuto e il latte , spolverate la superficie con i semi di sesamo e infornate il vostro Danubio per 25 minuti circa  in forno caldo a 180 C°.

Io ho usato una teglia più piccola, diametro 20 cm.

 

danubi, lievitati, finger food, antipasto, mozzarella, pomodori secchi, semi di sesamo

 

danubio, lievitati, pane, finger food, antipasti, mozzarella, pomodori secchi, semi di sesamo

Lievitati

Focaccia di patate speck e rosa camuna

focaccia, lievitati, patate, rosa camuna, formaggio, speck, salumi, valle camonica

Mentre tutti, diciamo tanti, preparano dolcetti, caramelle, biscotti e quant’altro per la calza della befana io mi metto a impastare una focaccia.

Di dolci ne abbiamo mangiati anche troppi e ahimè dubito che qualcuno mi regalerà la calza, quindi passiamo oltre e prepariamo questa focaccia morbida grazie alla presenza delle patate nell’impasto, condita con due prodotti tipici della Valle Camonica, le mie amate montagne.

Pur non essendo neanche lontanamente un’esperta di lievitati amo impastare, non sono precisa, non conosco i segreti dei lieviti, i tempi di idratazione e quanto ruota attorno a questo mondo ma impasto comunque, con lievito di birra e molto ad occhio.

Tutto sommato con discreti/buoni risultati.

Godetevi questi ultimi giorni di festa, ammetto che ho voglia di tornare alla normalità con orari e ritmi definiti, so che i più di voi non ameranno troppo questa mia affermazione ma per fortuna siamo diversi. Buon week end.

focaccia, lievitati, patate, rosa camuna, formaggio, speck, salumi, valle camonica

Ingredienti:

250 gr di farina

1 patata lessa medio grande

10 gr di lievito di birra

sale

olio

acqua

100 gr di Rosa Camuna

4-5 fette di speck

focaccia, lievitati, patate, valle camonica, salumi, speck, formaggio, rosa camuna

1 In una ciotola capiente radunate la farina, la patata schiacciata, il sale, il lievito sbriciolato e due cucchiai di olio, unite poco alla volta dell’acqua tiepida nel mentre impastate, proseguite fino a ottenere una pasta compatta, liscia e omogenea, coprite e fate lievitare per 2-3 ore.

2 Accendete il forno a 200 gradi, mentre si scalda, ungete una teglia da pizza, stendete la pasta direttamente con le mani, allargatela cercando di coprire tutta la superficie.

3 Spennellate dell’olio e del sale grosso sulla focaccia, e con le dita formate dei buchini, infornate per 15 minuti.

4 Dopo 15 minuti, aggiungete il formaggio tagliato a pezzetti e le fette di speck, lasciate cuocere altri 10 minuti.

Lievitati

Focaccia con broccoli acciughe e peperoncino

focaccia, acciughe, lievitati, pesce, verdure, spezie, peperoncino

La focaccia piace a tutti, alta, bassa, morbida, croccante, unta, è sempre in istituzione!

Ve ne propongo una che amo molto, un abbinamento molto noto, broccoli e acciughe, con peperoncino, anche l’aglio si sposa bene con questi ingredienti.

Su come viene, difficile dire, questa è bassina, croccante sui bordi, soffice al centro ma la stessa ricetta altre volte mi è venuta differente, più alta, più morbida, a me piace in tutti i casi quindi devo dire che non ci presto troppa attenzione al risultato finale.

Inutile dire che potete mangiarla anche senza farcitura come che potete accompagnarla con altre verdure, salumi, formaggi e altro.

Vi auguro un sereno fine settimana, ricco di relax, “cose” belle, amici, affetti, passioni, riposo, io ho in testa tante ma tante di quelle cose che a volte temo di perdere i pezzi e dimenticare qualcosa di importante, un mito chi ha inventato agenda e post it.

Buon week end.

focaccia, acciughe, lievitati, pesce, verdure, spezie, peperoncino

Ingredienti:

per due focacce

400 gr di farina 00 bio

mezzo panetto di lievito di birra

olio evo

acqua q.b.

sale grosso

sale fino

un broccolo grande

7-8 filetti di acciuga

peperoncino a piacere

focaccia, lievitati, pane, verdure, broccoli, spezie, peperoncino, acciughe, pesce

1 In una ciotola versate la farina, il lievito sbriciolato, il sale e unite poco alla volta acqua tiepida, amalgamate, continuate fino a che non avrete ottenuto una pasta compatta, lavoratela fino a renderla liscia e omogenea, almeno 5-10 minuti, copritela e lasciate riposare almeno due ore (io quasi quattro).

2 Nel frattempo lessate il broccolo, o cuocetelo a vapore.

3 Ungete due teglie da forno tonde, stendete la pasta dividendola in due, fatelo con le mani, distribuitela per tutta la teglia, lasciate lievitare un’altra mezzora.

4 Accendete il forno a 200 gradi, con la punta delle dita fate tanti buchini alla pasta, preparate una salamoia con un dl di acqua tiepida, un cucchiaio abbondante di olio e sale grosso (mezzo cucchiaio), mescolate e poi spennellate la focaccia con un pennello, infornate per 15 minuti.

5 Dopo 15 minuti, spennellate ancora la superficie della focaccia, cuocete per altri 15 minuti.

6 Aggiungete i broccoli, le acciughe tagliate a pezzetti e il peperoncino sull’intera teglia, cuocete 10 minuti. Sfornate e servite subito.

Il sale è presente nell’impasto, nella salamoia e ci son le acciughe per cui non l’ho aggiunto sulla focaccia, regolatevi secondo i vostri gusti.

focaccia, lievitati, verdure, broccoli, acciughe, pesce, spezie, peperoncino

CONSIGLIA Torta di mais