Browsing Category

DOLCI

DOLCI

Ciambella con zucca cioccolato e amaretti

torta da credenza con zucca cioccolato e amaretti

Stampo nuovo, tazze nuove che fai non li provi subito? Di tazze simili ne avrei comprate seicento, con coperture in lana differenti, ce n’erano veramente tante, stampi per fortuna c’era solo questo, sto parlando di un negozio  a Chicago, altrimenti c’era da monoporzioni ma so che lo userei meno.

Il ripieno un classico, almeno per me che amo questo trio! Tutti con adesso basta dolci, ci si mette a dieta, non cucino più torte, biscotti, creme ecc…per un bel po’ e le solite cose, ecco, io non ho cucinato niente per due settimane, alla fine ne avevo voglia di mettere le mani in pasta, mi mancava.

Una pausa dai fornelli fa bene per riprendere energie e sviluppare nuove idee, quando torni è ancora più bello, ne hai proprio voglia e hai mille ricette che vorresti sperimentare, in questo caso nulla di nuovo, volevo solo utilizzare lo stampo.

Quest’anno sarà l’anno dei lievitati, qui lo dico e a fine anno vedremo quanti ne avrò fatti ma soprattutto quanto e se avrò imparato a muovermi più a mio agio in questo contesto!

 

torta con zucca cioccolato e amaretti

Ingredienti:

500 gr di zucca
250 gr di farina
200 gr di amaretti
150 gr di zucchero
70/100 gr di gocce di cioccolato
2 uova
70 gr di burro
80 ml di latte
1 bustina di lievito
sale fino
200 gr di zucchero a velo
acqua q.b.
ciambella con zucca cioccolato e amaretti
1 Tagliate la zucca già pulita a cubetti, fatela cuocere per circa 15 minuti, deve diventare tenera (se ancora dura proseguite per altri 5/10 minuti la cottura), nel frattempo montate in una ciotola le uova con metà dello zucchero fino a ottenere un composto gonfio e spumoso.
2 Fate sciogliere a fuoco dolce il burro in una padella, lasciate raffreddare.
3 Aggiungete alla ciotola con le uova, il burro fuso, la polpa di zucca passata al setaccio o frullata se preferite, un pizzico di sale e il latte.
4 Amalgamate gli ingredienti, aggiungete la farina, gli amaretti e il lievito setacciati, lo zucchero restante e le gocce di cioccolato, mescolate.
5 Accendete il forno a 180 gradi, imburrate e infarinate lo stampo, versatevi il composto, livellate la superficie, cuocete per 45 minuti, deve prendere colore.
Una volta fredda e tolta dallo stampo preparate la glassa, scaldate circa 40 ml di acqua, unitela allo zucchero a velo, unitene poca alla volta mescolando per capire la giusta consistenza della glassa che dovrà risultare mediamente densa, se mettete troppa acqua rischia di essere liquida e non “fermarsi” sulla torta, ricoprite bene la superficie e lasciate che coli sulla ciambella.
ciambella con amaretti cioccolato e zucca
DOLCI

Cupcake pere e cioccolato

cupcake alle pere e cioccolato con mascarpone e cioccolato bianco

Dolci non ve ne ho proposti molti per queste feste, più piatti salati o creme e biscotti e allora ecco un dolcetto che potete gustare sempre, sia a fine pasto, anche se ammetto che a fine pasto prediligo altri tipi di dolci, che a merenda, colazione, portarlo da amici o regalarlo.

Ammetto che volevo anche utilizzare quegli zuccherini natalizi che mi ha regalato un’amica, molto carini, e i bambini li adorano, anzi potrebbe essere motivo di discussione decidere quale avere; quest’anno ho cercato di preparare ricette con tutti gli stampini, pirottini, decorazioni che avevo, così l’anno prossimo cambio e posso acquistarne di nuovi.

Quest’anno infatti ho realizzato di avere ancora parecchie cose dell’anno scorso e quindi non ho preso niente decisa a usare quanto avevo già ma l’anno prossimo mi lancio in nuovi decori, stampi, tovaglioli e quant’altro.

Ieri sera sono andata al cinema a vedere Wonder, ve lo consiglio davvero, un film struggente ma anche divertente, a tratti crudele ma una bella lezione di vita, diciamo che c’è tutto, battute belle, tristezza, dolore, risate, momenti strazianti e commoventi.

Buon week end della befana!

 

cupcake pere e cioccolato

 

Ingredienti:

160 gr di farina

mezza bustina di lievito

30 gr di cacao amaro

2 uova grandi

150 gr di zucchero

100 gr di cioccolato fondente

100 gr di burro

2 pere medie

3 cucchiai di mascarpone

100 gr di cioccolato bianco

zuccherini di natale

 

cupcake pere e cioccolato con crema al mascarpone

 

1 Sciogliete a bagnomaria il cioccolato e il burro, entrambi tagliati a pezzetti.

2 In una ciotola mescolate la farina, il lievito e il cacao.

3 Unite le uova e lo zucchero, amalgamate.

4 Sbucciate le pere e tagliatele a pezzetti grossolanamente, unitele al composto.

5 Accendete il forno a 180 gradi, imburrate uno stampo o ricopritelo di carta forno.

6 Versate il cioccolato e il burro fusi nel composto e amalgamate, versate il composto nello stampo livellando la superficie, infornate per 40 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.

7 Fate fondere il cioccolato bianco poi unitelo al mascarpone fino a ottenere una crema omogenea, distribuitela sui cupcake con un cucchiaio o una sach a poche, aggiungete lo zucchero di natale.

DOLCI

Mud cake di Natale

mud cake di natale

Io e la decorazione non siamo proprio amiche, ci piace osservarci, talvolta avvicinarci, tentare qualche approccio, ogni tanto non va neanche male ma sempre in punta di piedi, solitamente ci piaciamo ma ci conosciamo poco.

Si poteva coprire molto meglio questa torta quattro dischi al cioccolato, ammetto anche che l’ho fatto un po’ di fretta dovendola finire, fotografare e portare via con me per lasciare in macchina fino alla cena con le amiche.

Comunque non sarà bellissima ma è buona, non certo una torta da tutti i giorni, una fetta intera è per palati forti, per dolciomani  (parola inventata or ora…) incalliti e resistenti, basta dividerla a metà o nel caso alleggerire la farcitura e copertura.

Natale alle porte e come sempre quando si avvicina mi piace meno, ormai lo so amo l’attesa, il pensiero del Natale, vestire la casa a festa, cucinare biscottini e riempire la casa del profumo di cannella, pensare ai regalini per gli amici, le luci che abbelliscono la città ma inesorabilmente quando si avvicina mi resta indifferente, anzi a volte spero passi rapidamente, mi mette malinconia, un po’ di tristezza.

Meglio non pensare troppo, buona giornata!

 

mud cake al cioccolato

 

Ingredienti:

per le basi, io quattro teglie da 14 cm di diametro

350 gr di zucchero semolato
250 gr di burro
200 ml di latte intero fresco
150 gr di cioccolato fondente al 70%
225 gr di farina 00
75 gr di farina autolievitante
2 uova grandi
per la crema:
600 gr di mascarpone
250 gr di cioccolato fondente (100+150)
100 gr di cioccolato bianco
100 gr di cioccolato gianduia
torta al cioccolato di natale
1 Preparate la base: in una pentola mettere il latte, il burro a pezzetti, il cioccolato a pezzetti e lo zucchero. Far sciogliere gli ingredienti senza portarli a ebollizione e lasciarli raffreddare per circa 15 minuti.
2 Aggiungete le uova leggermente sbattute con una frusta o nella planetaria, una volta incorporate bene aggiungete le farine con una spatola amalgamandole delicatamente con una spatola.
3 Accendete il forno a 160 gradi, suddividete l’impasto nella quattro teglie (se necessario imburrate gli stampi), fate cuocere per circa 25 minuti, inserite uno stuzzicadenti per vedere se l’impasto risulta asciutto, sfornate e lasciate raffreddare del tutto.
4 Sciogliete separatamente i tre cioccolati, il fondente solo cento grammi,  mescolate ognuno con circa 100 gr di mascarpone.
5 Disponete il primo disco e farcite con una spatola con crema al fondente, mettete il secondo e farcite con quella al cioccolato bianco, coprite e mettete la crema al gianduia, coprite con l’ultimo disco.
6 Fondete il restante cioccolato fondente e amalgamatelo al mascarpone, con una spatola ricoprite la torta, può essere che ve ne avanzi un po’, dipende da quanto strato mettete. Decoratela a piacere, io avevo quattro biscotti alla cannella, va bene frutti di bosco, ribes, melograno, biscotti, granelle, decorazioni di cioccolato e altro.
DOLCI

Ciambella speziata

ciambella alle tre spezie

Brutta è brutta e su questo penso ci sia poco da dire, la ricetta non mi è venuta, è una ricetta di un’altra blogger, non so bene se ho sbagliato qualcosa io, se la ricetta non è esatta ma qualcosa non ha funzionato.

Detto ciò, ho capito subito che non sarei riuscita a creare i dolcetti che avrei dovuto, ho pensato di rimediare con una ciambella improvvisata, l’impasto era talmente tanto che sprecarlo mai, ho messo insieme la ciambella come sono riuscita, buona lo è, questo posso assicurarvelo e anche tanto profumata.

Mannaggia che peccato, mi pregustavo queste ciambelline e invece, sbagliare è normale e credo sia anche bello condividere con voi gli errori invece che mostrarvi ricette sempre perfette, riuscite e impeccabili.

Bando alle ciance, ora vi lascio la ricetta, a Milano oggi è festa, è il patrono della città, un week end natalizio che più natalizio non si può, c’è la prima della Scala, accendono l’albero in pizza Duomo, tanti mercatini, fiere, bancarelle, un delirio di gente ma una delle poche volte che apprezzo Milano.

ciambella con le spezie

Ingredienti:

primo impasta

15 gr di lievito di birra

130 ml di latte

1 cucchiaio di zucchero

350 gr di farina 00

per il secondo impasto:

200 gr di farina

200 gr di burro morbido

15 gr di miele

1 tuorlo

100 gr di zucchero

per farcire:

100 gr di burro

mix spezie cannella, noce moscata, cardamomo, zenzero

2 cucchiai abbondanti di zucchero

 

ciambella alle spezie

1 Preparate il primo impasto facendo scaldare il latte, deve essere tiepido, scioglietevi il lievito, in una ciotola mettete la farina, lo zucchero e aggiungete poco alla volta impastando il latte, dovrete ottenere un composto omogeneo e liscio, coprite con la pellicola e lasciate lievitare per circa 30 minuti.

2 Aggiungete al primo impasto gli ingredienti del secondo, impastate fino a ottenere una pasta compatta, liscia e omogenea, fate lievitate fino a che non raddoppia, sempre coperta con pellicola.

3 Prendete l’impasto dividetelo in due parti uguali, stendete la pasta una alla volta in due rettangolo circa 25 per 40, sciogliete il burro, con un pennello distribuitelo sul primo rettangolo, aggiungete le spezie sull’intera superficie, regolatevi autonomamente sulla quantità, mettete una spolverata di zucchero, di canna meglio, chiudete avvolgendolo su stesso come una girella, fate la stessa cosa con il secondo rettangolo.

4 Ungete una teglia con del burro, va bene quello fuso rimasto anche se poco, distribuite i due cilindri di pasta cercando di sovrapporli, lasciate lievitare una mezzora.

5 Spolverate di zucchero (io avevo ancora un po’ di burro, l’ho spalmato sopra), infornate a 200 gradi per circa 40 minuti. Sfornate e lasciate intiepidire. Se volete spolverate di zucchero a velo.

 

Creme/ DOLCI/ Senza categoria

Orange curd alla cannella

crema spalmabile all'arancia e cannella

Ricetta semplice semplice, buona e profumata per insaporire il panettone, le fette biscottate, una fetta di pane ma anche regalino carino, economico, che si conserva per un paio di settimane.

Arancia e cannella un classicone, ammetto che io e le arance abbiamo un rapporto strano, per esempio mi piace molto la spremuta ma per nulla la marmellata di arance, se amare poi……odio!

I curd si possono preparare praticamente con tutta la frutta, albicocche, pesche, limone, melograno, pere, mele e altro, basta che siano frutti succosi, ecco la banana meglio di no, pensate anche a cachi, prugne, frutti di bosco, fragole, una ricetta sempre uguale per crearne tanti diversi.

Giornata molto piena, corro a immergermi nelle mie attività, buon martedì.

 

crema con arancia e spezia alla cannella

 

Ingredienti:

4 uova

200 gr di zucchero

120 gr di burro

succo di due arance

cannella

 

 

1 Sbattete le uova e lo zucchero in una casseruola fino a ottenere un composto spumoso e chiaro.

2 Spremete le arance e versate il succo sul composto.

3 Unite il burro, mettete sul fuoco medio, mescolate fino a che non si addensa, alla fine unite la cannella quantità a piacere, lasciate intiepidire e trasferite in vasetti, conservare in frigorifero.

 

crema all'arancia e cannella

DOLCI

Eclairs con crema al limoncello

esclairs con crema aromatizzata al limoncello

Belli non sono splendidi, i bigne’ o eclairs li faccio da sempre e a volte mi vengono benissimo, altre volte meno, buoni devo dire, sempre, o quanto meno a me piacciono.

Li ho sempre visti come un dolce chic, elegante, un po’ da sala da the in un bistrot parigino vista Notre Dame, forse ho visto troppi film ma così mi immagino le signore, anzi le madame parigine mentre con le amiche prendono un te’ o una caffè degustando eclairs.

Peraltro un giorno su una rivista ho ammirato quelli di grande maestro pasticcere francese, delle opere d’arte, elaborati, molto particolari, in pochi cm erano racchiusi strati, consistenze, profumi, colori, spettacolari, imparassi a farne bene anche solo un tipo sarei felice.

Nel venerdì del black friday, pare non si parli di altro, io mi regalo eclairs visto che per il resto le finanze scarseggiano, manco guardo siti, offerte o altro, se siete nella mia stessa situazione preparatevi questi dolcetti, se invece spenderete fatelo comunque per addolcire l’arrivo dell’estratto conto.

Buon week end!

 

esclairs con crema al limoncello

 

Ingredienti:

Per la pasta choux

200 ml di acqua

120 gr di burro

una stecca di vaniglia

150 gr di farina

4 uova

per la crema:

4 tuorli

200 gr di zucchero

30 gr di amido di mais

600 ml di latte

2 cucchiai di limoncello

 

esclairs francesci con crema al limoncello

 

1 Preparate la pasta mettendo a scaldare l’acqua con dentro il burro tagliato a pezzetti, mettete anche la stecca di vaniglia o se preferite apritela tagliandola in senso verticale estraendo i semi e mettendoli direttamente nell’acqua,  deve arrivare a bollore non bollire e il burro deve essere sciolto.

2 Appena sta bollire spostate dal fuoco e buttate tutta la farina in un colpo solo, mescolate rapidamente ed energicamente fino a che otterrete un impasto omogeneo, rimettete sul fuoco per un paio di minuti sempre mescolando, non si deve attaccare. Lasciate intiepidire.

3 Una volta tiepido aggiungete un uovo alla volta mescolando con energia, prima di incorporare l’altro fate in modo che sia ben amalgamato il precedente.

4 Accendete il forno a 190 gradi, mentre si scalda foderate una teglia con della carta forno, prendete una sach a poche con beccuccio liscio, inserite il composto e create distanziate delle strisce di pasta di circa 5-6 cm, infornate per 20-25 minuti, dovranno risultare dorati, sfornate e lasciare raffreddare.

5 Preparate la crema sbattendo i tuorli con lo zucchero, aggiungete setacciandolo l’amido di mais, nel mentre scaldate 550 ml di latte in un pentolino o nel microonde, il restante latte unitelo al composto e amalgamate, fate attenzione che non si formino grumi.

6 Mettete la pentola su fuoco medio, aggiungete il latte caldo e mescolate fino a che non sta per addensare, unite i due cucchiai di limoncello e terminate la cottura, spegnete quando cominciano a comparire le bolle, lasciate raffreddare trasferendo la crema in un contenitore.

7 Fate un piccolo foro sul fondo o sul latte degli eclairs e con una sach a poche farcite gli eclairs, fate attenzione a non riempirli troppo o troppo poco, al tatto sentirete l’eclairs acquistare volume mentre lo farcite.

DOLCI

Biscotti al burro e cannella glassati

Dichiaro ufficialmente aperta la stagione natalizia, via alle danze, durante l’anno non seguo mai le ricette del periodo, vedi Pasqua, festa del Papà, della donna ecc…ma su Natale non transigo.

Stagione aperta ma ancora non ho pensato a nulla, pensavate fossi lanciatissima con idee, consigli, trucchi e trucchetti? Ecco no, ho qualche idea ma devo concentrarmi, trovare il tempo per dedicarmi a quello, comunque credo che più che ricette vi lascerò idee regalo golose!

Intanto ho cominciato a prendere gli addobbi, spero in giornata anche l’albero e poi addobbare casa, è presto? si forse ma a me l’albero piace tanto e alla fine manca solo un mese a Natale e in giro le luci sono già accese, i panettoni sono già schierati ovunque (ho visto i primi a ottobre…aiuto)!

La ricetta di oggi dei semplicissimi biscotti al burro e cannella glassati, male, sono glassati male ma l’operazione è stata eseguita da un piccolo aiutante e se non pubblicassi le foto con i suoi biscotti ci resterebbe male, questi sono perfetti da regalare o ci fate un piccolo buchino e potete appenderli all’albero.

Buona giornata e buona preparazione al Natale.

 

biscotti al burro e cannella glassati

Ingredienti:

500 gr di farina

150 gr di zucchero a velo + 100 gr

125 gr di fecola di patate

375 gr di burro morbido

cannella q.b.

2 cucchiai di acqua bollente

 

biscotti con cannella al burro e glassa

1 Assicuratevi che il burro sia del tutto morbido, prendete una ciotola capiente o lavorate direttamente su un piano di lavoro, setacciate la farina, la fecola e lo zucchero a velo, unite il burro e la cannella e cominciate a impastare, io a mano, ovviamente anche con l’impastatrice va bene.

2 Proseguite fino a che non avrete ottenuto una pasta morbida, compatta, omogenea.

3 Stendetene piccoli pezzi con il mattarello infarinato su un piano infarinato e con lo stampino formate il biscotto. Proseguite fino al termine dalla pasta, gli scarti attorno ai biscotti si lavorano bene di nuovo.

4 Accendete il forno a 180 gradi, mentre si scalda disponete la carta forno su una teglia e distribuite i biscotti leggermente separati, infornate per circa 13 minuti, dovranno risultare dorati.

5 Preparate la glassa setacciando i 100 gr di zucchero a velo, aggiungete un cucchiaio di acqua ben calda, mescolate, se necessario unite poca poca acqua alla volta, dovrete capire quando avrete raggiunto la consistenza giusta, in questo caso la glassa deve essere abbastanza densa non liquida.

6 Sui biscotti freddi distribuite con una sach a poche o una matita fatta apposta la glassa lungo i bordi, lasciare rapprendere o qualche minuto in frigorifero, o in un luogo freddo. Si conservano bene una decina di giorni chiusi in una scatola di latta.

DOLCI

Mud cake al doppio cioccolato

torta ai due cioccolati

4 anni di blog, 4 anni in cui la mia vita è cambiata radicalmente, potrei dire anche drasticamente, non solo per ragioni inerenti il blog.

4 anni fa non sapevo quasi cosa fosse un blog, sapevo cos’era ma non come funzionasse nel concreto, c’erano termini per me sconosciuti come analytics, widget, instagram mai sentito nominare, pure follower era un parola dal significato ovvio ma che non avrei saputo come riferire a me.
4 anni fa non avevo mai sperimentato molte ricette, c’erano mostri che temevo di affrontare e ho rimandato per anni convinta che fossero difficili, le meringhe, i cannoli siciliani, il caramello, le brioche, li ho fatti e sono venuti anche bene al primo colpo.
4 anni fa non immaginavo che sconosciuti potessero replicare una mia ricetta, passare ad augurarmi il buongiorno, ricordarsi cosa scrivo e poi chiedermi sviluppi; non pensavo che qualcuno potesse ricevere un compenso per documentare un evento live con foto, video, dirette.
4 anni fa non seguivo nessun blog, quando l’amica che l’ha realizzato graficamente mi disse di ispirarmi, prendere spunto da blogger che mi piacevano io la guardai con gli occhi di un pesce lesso dovendo ammettere che non avevo mai visto ne’ tanto meno seguito un blog di cucina.
4 anni fa pubblicai il mio primo post, ovviamente un dolce al cioccolato e mi dissi e ora? che succede? la gente come fa a leggermi, dove mi cerca, come commenta, commenterà? mai avrei pensato che persone che hanno iniziato a leggermi allora sono ancora qua e ci sono sempre e tante le ho anche conosciute dal vivo.
4 anni fa avevo un altro lavoro, completamente diverso da quello attuale che è in questo campo, culinario e affini, la mia vita era diversa, con orari, ritmi, dinamiche che oggi quasi non ricordo, con problemi, fatiche, preoccupazioni, obiettivi differenti.
4 anni fa nella mia vita non c’erano tante persone che oggi ci sono e fanno parte delle mie giornate, che vedo, che sento per telefono, con cui si parla di tutto tranne che di cucina, persone per cui magari percorri km per vederle, passare del tempo insieme, alcune per conoscerle dal vivo dopo anni di chiacchiere virtuali.
Tutto bello, intenso, particolare, nuovo, con pro e contro ma sono soprattutto queste persone che fanno la differenza, che sono il valore aggiunto, la più grande bellezza e ricchezza che mi ha regalato il blog, il resto è bello, importante ma non come le persone in carne e ossa.
La ricetta è di Valentina  del blog La ricetta che Vale, una maestra, una pasticcera eccellente, elegante, di classe, una dispensatrice di bellezza  e poesia e soprattutto un’amica speciale.
Riporto fedelmente la sua ricetta copiandola dal suo blog, io ho semplicemente omesso la vaniglia che non avevo e usato il lievito con farina invece che farina autolievitante che non avevo, per il resto è la sua precisa identica.
mud cake al doppio cioccolato
 
Ingredienti
per una teglia da 20/23 cm di diametro 
(consiglio di suddividere l’impasto in 3 teglie)
 
350 gr di zucchero semolato
250 gr di burro
200 ml di latte intero fresco
150 gr di cioccolato fondente al 70%
225 gr di farina 00
75 gr di farina autolievitante
2 uova grandi
un cucchiaino di estratto di vaniglia
un pizzico di sale

Preriscaldare il forno a 160°.

In una pentola mettere il latte, il burro a pezzetti, il cioccolato a pezzetti e lo zucchero.
Far sciogliere gli ingredienti senza portarli a ebollizione e lasciarli raffreddare per circa 15 minuti.

Versare il composto nella planetaria o nell’impastatrice (se non l’avete, versate in una ciotola capiente e lavorate con le fruste) e incorporare le uova precedentemente sbattute (poco e a mano) con il sale e la vaniglia.
Mescolare tutto a velocità media.

Aggiungere, adesso, le farine setacciate mescolando a mano con movimenti dal basso verso l’alto, delicatamente, facendole assorbire.
Non lavorare troppo la farina, altrimenti il dolce risulterà duro.

Trasferire l’impasto nella tortiera (preferibilmente antiaderente) che avrete rivestito di carta forno sul fondo e imburrato e infarinato lateralmente.

Consiglio di suddividere l’impasto in 3 teglie e infornare per 30 minuti circa (70 minuti circa se utilizzate una sola teglia senza suddividere); uno stuzzicadenti inserito al centro della torta dovrà uscire pulito o al massimo con qualche briciolina attaccata.
Far raffreddare la torta prima di sformarla.
Metterla in frigo un paio di ore avvolta in pellicola alimentare, una volta raffreddata: questo passaggio faciliterà il taglio della torta, non avrete briciole e non la rovinerete.
Se, invece, avete suddiviso l’impasto in 3 e vi ritrovate con 3 dischi, avvolgete ogni disco in pellicola alimentare e mettete da parte a raffreddare.
Preparate la bagna (a piacere; ho utilizzato acqua, zucchero e rum ma è perfetto anche il liquore Frangelico, alle nocciole).
Tagliate la torta in 3 dischi e bagnate, con l’aiuto di un pennello per dolci, ogni disco.
La torta non deve essere bagnata eccessivamente perché è già di per sé umida e cremosa.Preparare la farcia interna.
500 g di mascarpone
250 g di cioccolato bianco di ottima qualità
Amalgamate il mascarpone con il cioccolato precedentemente fuso a bagnomaria.
Farcire con l’aiuto di un sach à poche.
per la superficie
250 g di mascarpone
150 g di cioccolato gianduia di ottima qualità
frutti di bosco
Amalgamare il mascarpone con il cioccolato gianduia precedentemente sciolto a bagnomaria e farcire con l’aiuto di una spatola.
Assemblate la torta facendo i primi due dischi di crema al mascarpone e cioccolato bianco, mentre sull’ultimo disco disponete sempre con una spatola la crema di mascarpone e gianduia, decorata con la frutta lavata e asciugata.
torta al cioccolato
DOLCI

Cheesecake zucca e amaretti

Una cheesecake un po’ diversa dal solito, con la regina del momento la zucca, abbinata a un classico gli amaretti.

Una ricetta davvero sprint, pochi minuti per un dolce che a me è piaciuto tantissimo, il cui segreto per un’ottima riuscita è la ricotta! Dovete utilizzare una ricotta strepitosa, eccellente, vi assicuro cambia tutto rispetto a una ricotta qualsiasi o del supermercato.

Siamo a novembre, due passi e siamo a Natale, in giro cominciano a vedersi vetrine, oggetti, ieri al supermercato c’erano quattro scaffali pieni di dolci a tema natalizio, da renne al cioccolato a palle da appendere al cocco, biscotti decorati, torroni, panpepato, babbi natale di varie forme e ingredienti.

Sembra strano pensare a Natale perchè le giornate sono ancora belle, non fa freddo, quando c’è il sole scalda e il Natale di solito lo associamo al freddo, alla neve, ai guanti, la sciarpa, il caminetto, la cioccolata calda, vedremo se la neve vi farà compagnia, a me può essere, a Natale sarò a Chicago.

Buon week end!

 

 

Ingredienti:

per circa 4 bicchieri

una confezione da 200 gr di amaretti (tenetene da parte alcuni per decorare)

70 gr di burro

250 gr di ricotta di bufala

250 gr di zucca

3 cucchiai di zucchero

1 Lasciate ammorbidire il burro a temperatura ambiente.

2 Sbriciolate gli amaretti riducendoli in briciole e amalgamateli con il burro fino a ottenere un composto omogeneo, distribuitelo sul fondo dei bicchieri, altezza 1 cm.

3 Cuocete la zucca tagliata a pezzetti, al vapore o lessata, lasciate raffreddare poi frullate con la ricotta e lo zucchero fino a ottenere una crema liscia senza tracce di zucca.

4 Riempite i bicchieri con la crema, riponete in frigorifero, togliete 15 minuti prima di servire e guarnite con gli amaretti.

NOTE è un dolce che si può realizzare ad occhio, a seconda dei propri gusti, quindi regolatevi a piacere per la quantità di zucchero, sullo spessore dello strato inferiore e anche sulla crema, con più zucca o più ricotta, assaggiate.

DOLCI/ Lievitati

Pane alla zucca

pane alla zucca con semi di zucca

La zucca, la regina del momento, versatile, buona nel dolce e nel salato, dalla forma splendida, dalle sfumature infinite, legata ad Halloween ma anche alla campagna, esteticamente perfetta che si tratti di quella tonda, di quelle lunghe, di quelle ovali.

Qua trovate tante ricette, sia dolci che salate, oggi sperimento un pane che ho visto da Marianna del blog Quanta Basta, subito ho pensato di provarlo ed eccolo qua, che dire? per me perfetto, non troppo dolce quindi perfetto anche con il salato, buono da solo o con marmellata, cioccolato o una fetta di prosciutto ma soprattutto bello soffice.

La preparazione non è veloce, nel senso che ci vogliono molte ore di lievitazione ma organizzandosi questo pane vi salva la vita, si conserva per giorni (se ci arriva….), lo tagliate a fette e ve lo portate a scuola, al lavoro, lo farcite tipo sandwich per il pranzo, lo tostate e ci spalmate qualche crema o salsa o anche delle verdure, lo congelate a fette e lo utilizzate all’occorrenza.

La ricetta è la stessa identica di Marianna, l’unica differenza è che non ho il Bimby per cui ho usato un’altra impastatrice, copio e incollo la sua essendo proprio identica (voglia di lavorar saltami addosso….).

pane alla zucca e semi

 

Ingredienti:

 

plumcake alla zucca

  1. Iniziate tagliando la zucca a cubetti tutti uguali. Cuocetela a vapore per circa 20 minuti, o fino a quando non sarà ben cotta. Schiacciatela poi con una forchetta, fino ad ottenere una purea, e lasciatela raffreddare.
  2. Unite le farine, lo zucchero, il sale, l’uovo, il latte, la purea di zucca, il lievito ed il latte in una ciotola capiente ed iniziate ad impastare per 5 minuti abbondanti. Io ho utilizzato il bimby ed ho impastato per 3 minuti a velocità spiga.
  3. A questo punto incorporate il burro un po’ alla volta, continuando ad impastare. Fino a quando l’impasto non avrà incorporato tutto il burro. Il risultato sarà un’impasto molto appiccicoso.
  4. Coprite la ciotola con della pellicola trasparente e fate lievitare in frigo per tutta la notte. In alternativa lasciate l’impasto a temperatura ambiente fino al raddoppio del volume.
  5. Se avete fatto lievitare l’impasto in frigo, tiratelo fuori per una quindicina di minuti. Ora lavoratelo leggermente e versatelo in un tegame da plumcake rivestito da carta forno bagnata, strizzata e leggermente oleata.
  6. Coprite con la pellicola e lasciate lievitare per un’oretta in forno con la luce accesa.
  7. Una volta effettuata la seconda lievitazione, spennellate con latte e cospargete con semi di zucca. Infornate a 180° per circa 30 minuti, o fino a quando la suerficie non sarà ben dorata.
CONSIGLIA Insalata di tuberi e yogurt greco